Utente 128XXX
Gentili dottori,
non ho trovato risposta al mio quesito nonostante l'abbondanza di risposte in merito. Il mio compagno (55 anni) dopo otto mesi di rapporti senza eiaculazione intravaginale, continua a sostenere di essere seguace di una filosofia orientale (Tao) in base alla quale ha studiato per anni come raggiungere l'orgasmo senza eiaculare e di stare benissimo così. Anzi dice che l'eiaculazione fa male alla salute e mi accusa di ignoranza. Tra l'altro si fa seguire da un medico ( quantistico?) delle stesse idee...
Io - oltre ad essere insoddisfatta - temo che al contrario possa danneggiarlo proprio il non eiaculare.
Aggiungo solo che ogni tanto ("PER ACCONTENTARMI") eiacula, ma solo masturbandosi durante il nostro rapporto...
Inutile spiegare quanto mi senta mortificata e umiliata. Anche perchè, per aggiungere il danno alla beffa, mi dice che sono ignorante e dovrei studiare le filosofie orientali.
Grazie anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile signora,
La eiaculazione è un fisiologico meccanismo che si viene a determinare al momento del raggiungimento dell'orgasmo e tutti le situazioni messe in atto per evitarlo a lungo andare possono creare dei problemi di accumulo di liquido seminale che ad esempio può infettarsi. Riuscire a controllare l'eiaculazione è comunque molto complesso a meno che non ci sia qualche interazione farmacologica (suo marito assume qualche farmaco?). Ma comunque conviene non dar molto peso alla situazione in quanto l'eiaculazione alla fin fine è utile solo ai fini del concepimento e non dovrebbe aver alcun peso per quanto riguarda la soddisfazione ed il piacere derivante dal rapporto, si rischia solamente di creare degli attriti interpersonali che alterano a lungo andare la salute della vostra coppia.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signora,
mi associo al Dr.Scalese nella risposta.
I seguaci della filosofia tantrica, imparano, con modalità disfunzionali il controllo eiaculatorio, creandosi una disfunzione sessuale detta eiaculazione retrograda, l'eiaculato ritorna in vescica.
I motivi apparenti, sono di natura religiosa, in quanto il seme è vita e non va sprecato, se non per il concepimento, a questo si è aggiunta una moda lanciata dal cantante Sting, che millanta rapporti sessuali di ore.
Sarebbe opportuno, comprendere invece se suo marito, segue questa corrente di pensiero o, si trincera dietro questi ideali, perchè soffre di un'incapacità ad eiaculare nell'ambiente vaginale o, comunque a vivere un'eiaculazione relazionale, che ha meccanismi psichici totalmente differenti, da quella solitaria, ma solo uno specialista può dirvelo.
Legga, se desidera, questo mio articolo, magari troca degli spunti di riflessione.
Cari auguri

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/132/Anorgasmia-maschile