Utente 168XXX
Salve, al mio ragazzo è stata diagnosticata una "verosimile eiaculazione retrograda", nonostante una minima quantità di sperma fuoriesca, la maggior parte finisce nella vescica. Ho consultato alcuni documenti e ho capito di cosa si tratta ma cosa s'intende con il termine "verosimile"? Gli è stato prescritto il TROFANIL, in che maniera un antidepressivo può risolve questa problematica? La cosa che più mi preme sapere è quali sono le probabilità che io riesca a rimanere incinta in maniera naturale? Siamo ancora giovani ma avere un figlio è tra i nostri progetti, lo desideriamo entrambi moltissimo e l'idea che forse non sarà possibile mi sta creando un po' d'ansia. Vi ringrazio anticipatamente per ogni chiarimento!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettrice,

le notizie cliniche che ci fornisce non sono ben comprensibili; ad esempio non capiamo cosa sia questa "verosimile eiaculazione retrograda" ed, oltre alla diagnosi che lei ha in mano, anche i suoi dubbi sulla terapia data, se siamo in presenza di una eiaculazione retrograda, sono pure i nostri.

Risenta ora per bene l'andrologo del suo ragazzo, cerchi di capire meglio il suo quadro clinico e nel frattempo le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/urologia/211-liquido-seminale-esce-ovvero-eiaculazione-retrograda.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 168XXX

Iscritto dal 2010
Leggendo l'articolo che lei mi ha consigliato mi è venuto ancora più forte il dubbio in merito alla somministrazione del TORFANIL

...Anche alcuni farmaci, ad esempio gli antidepressivi o gli ansiolitici, alfa-litici, possono dare, come effetto collaterale, questo fastidioso disturbo.

La ringrazio e cercherò di farmi spiegare con più precisione la situazione dall'andrologo che lo segue.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene, se poi lo ritiene utile, ci aggiorni.