Utente 198XXX
Gentile Dottore,
Sono un uomo di 41 anni, fino a circa 5 mesi fa non ho mai avuto alcun problema nei rapporti sessuali, anche con una elevata libido, non avendo alcun problema anche a più rapporti quotidiani, aggiungo di essere fisicamente normodotato in termini di lunghezza del pene, circa 15 cm, sono molto grosso fisicamente, 1,85 per circa 115 KG e ho qualche piccolo problema di salute (azotemia, trigliceridi e glicemia appena oltre la soglia, uricemia molto elevata), improvvisamente, senza alcuna causa apparente ho cominciato a non riuscire ad avere più la massima erezione, non in misura tale da non raggiungere l'orgasmo ma non raggiungendo mai il livello massimo di durezza del pene.
A Natale ho avuto una crisi massima e in concomitanza con una fortissima influenza intestinale ho avuto una crisi apicale, fortunatamente successivamente rientrata per cui per una settimana ho avuto un intorpidimento del pene con l'incapacità assoluta di avere un erezione. Tale stato dopo quella crisi non si è più verificato, attualmente riesco ad avere erezioni che potremmo definire con un livello medio di durezza del pene ed eiaculo normalmente.
Aggiungo che ho notato che la situazione peggiora molto nel caso in cui ho l'intestino pieno, nel mio quadro clinico aggiungo di avere lievi problemi emorroidali (e in caso di crisi il problema tende ad aumentare) e di soffrire di una forte discopatia causata da una scoliosi.
Come informazioni finali aggiungo di non avere problemi urinari nè dolori e comunque di aver avvertito in questi mesi un lieve calo della libido.
So di dover andare da uno specialista ma volevo, se possibile una prima indicazione, grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Buongiorno caro utente. Il Suo problema erettivo, al momento per fortuna episodico e probabilmente ancora marginale, deve essere inquadrato come un segno di "sofferenza" dell'organismo. Il Suo stato di forte sovrappeso ecc. probabilmente indica una incipiente sindrome metabolica, caratterizzata forse anche da una iniziale tendenza alla'aumento della glicemia e - sottolineo forse - anche a ipertensione arteriosa. La stessa discopatia potrebbe metterci la sua parte. In breve: deve rassegnarsi a dimagrire e mettere ordine nei suoi... esami del sangue, altrimenti in futuro i problemi del Suo organismo potrebbero aumentare, compreso quello relativo all'erezione. Il primo passo può essere quello di farsi visitare da un andrologo, che è in grado di mettere a fuoco queste problematiche e consigliarla in merito. Cordiali saluti.