Utente 198XXX
recentemente mi sono recato per la prima volta dall'andrologo a causa di problemi di erezione che non mi hanno consentito di avere rapporti sessuali con la mia donna.
nel corso della visita mi è stato diagnosticato un varicocele di grado non accentuato sicchè l'andrologo mi ha prescritto degli esami ormonali e uno spermiocitogramma.
per quanto riguarda gli esami ormanali gli esiti sono stati i seguenti
FSH
Immunoenzimatica
3,40 mUI/ml valore di riferimento 2- 15
LH
Immunoenzimatica
3,3 mUI/ml valore di riferimento 1 - 9
ESTRADIOLO (E2)
Immunoenzimatica
27,40 pg/ml valore di riferimento 9,4 - 75
TESTOSTERONE
Immunoenzimatica
382,58 ng/dl valore di riferimento 300 - 1100
TESTOSTERONE LIBERO
5,60 pg/ml valore di riferimento 9- 47
in conclusione l'unico valore fuori norma risulta essere proprio il testosterone libero.
a questo punto chiedo se questa carenza può essere la causa dei disturbi erettivi e come poterla superare. cosa si può fare per colmare la carenza del testosterone libero?
lo spermiocitogramma ha invece dato questi valori
nemaspermi 106,97 milioni ml
normocinesi 80%
bradicinesi 20%
mobili all'emissione 40%
mobili dopo 2h 40%
mobili dopo 4h 40%
mobili dopo 24 h 5%
teste normali 80%
teste appuntite 1%
teste ipertrofiche 2%
teste arrotondate 2%
teste a doppia coda 2%
teste ipotrofiche 1%
teste amorfe 11%
emazie rare
leucociti rare
indice fertilità >25 e > 50
su questi dati volevo sapere se avevo un buona fertilità.

ringrazio per l'attenzione, per completezza dei dati ho 35 anni
[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
1)Potrebbe avere necessità di una terapia, ma questo è il suo andrologo che lo deve decidere.
2)Lo spermiogramma mi sembra ottimo
[#2] dopo  
Utente 198XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta volevo solo correggere un dato relativo all'indice di fertilità che viene riportato così >25 e <50, che dovrebbe significare se non ho capito male compreso tra 25 e 50.
in attesa della nuova visita dall'andrologo, la terapia sarebbe a base di ormoni? e poi sarebbe a vita o periodica?
in ogni caso volevo chiederle se la disfunzione erettile è comunque legata proprio al valore del testosterone libero.
La ringrazio in anticipo
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
8% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2000
1)La terapia potrebbe anche essere su base ormonale, ma non in tutti i casi (dipenderà da quello ceh il suo andrologo riterrà opportuno).
2)Potrebbe anche essere periodica (lo si stabilirà ripetendo gli esami a distanza, potrebbe anche trattarsi di un calo transitorio di testosterone plasmatico)
3)Il testosterone agisce prevalentemente sui meccanismi della libido (desiderio sessuale), ma comunque è implicato in vario modo in tutti i complessi meccanismi della sfera sessuale.