Utente 198XXX
SALVE ,
DOPO VARIE VISITE MI E STATO CONFERMATO CHE SOFFRO DI EIECULAZIONE PRECOCE ,
HO EFFETTUATO I VARI ESAMI DA VARI SPECIALISTI I QUALI MI HANNO RISCONTRATO UN VARICOCELE SX CHE NON NECESSITA DI INTERVENTO E MI HANNO DATO DELLE CURE X EIECUL. PREC.(ANTIDEPRESSIVI) CHE NON FUNZIONAVANO ,DOPO AVER GIRATO VARI SPECIALISTI UNO DI LORO MI HA PRESCRITTO UNITRAMA 100MG (ANTINFIAMMATORIO A RILASCIO PROLUNGATO)IL QUALE PRESO MEZZA GIORNATA PRIMA DEL RAPPORTO HA UN OTTIMO BENEFICIO. VOLEVO SAPERE COME MAI HA QUESTO EFFETTO E SE ESISTE UN INTERVENTO X ELIMINARE L'EIECULAZIONE PRECOCE VISTO CHE I RAPPORTI NON POSSONO ESSERE SEMPRE PROGRAMMATI! SICURO DI UN VOSTRO RISCONTRO VI RINGRAZIO E VI PORGO I PIU' CORDIALI SALUTI.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
l' intervento per eiaculazione precoce non lo fa più nessuno. Piuttosto chieda che il suo non sia problema mpsicogeno. Che forse varrebe la pena di psicoterapia in tal caso.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Signore,
mi associo al DR.Cavallini nella risposta.
L'eiaculazione precoce, è una disfunzione sessuale della fase dell'orgasmo e va diagnosticata dall'andrologo, a seguito di visita specialistica, poi la terapia si stabilisce di conseguenza, ma cambia da paziente a paziente.
Vi sono svariati tipi di e.p., anteportas, intrapostas( fuori o dentro l'ambiente vaginale), primaria, secondaria, assoluta, situazionale.
Sarebbe opportuno conoscere lo IELT( tempo di latenza eiaculatoria intravaginale) e le emozioni associate alla sfera della sessualità e della sua dimensione di coppia.
L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psico-sessuologico,
psicoterapia,
terapia di coppia ad orientamento sessuologico, trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale),
farmaco on de mand( cioè al bisogno), ma non è una strategia risolutiva.
Ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione

Legga, se desidera, questo mio articolo.
Saluti.

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/581/Eiaculazione-precoce-solitudine-e-sofferenza-di-chi-ne-soffre