Utente 189XXX
Cari dottori, ho 35 anni e di frequente ho disturbi dell' erezione, non tanto a far si che arrivi ma più che altro a far in modo che rimanga. Succede talvolta infatti che il pene risponde bene agli stimoli ma tende poi a perdere parzialmente l' erezione dopo x tempo. Succede che a volte l' erezione è sufficiente a concludere un rapporto. Mi sono rivolto a un noto andrologo, che tra l altro ha collaborato in passato con voi di Medicitalia, il quale ha disposto un check up completo dell' apparato sessuale. L' eco color doppler è risultato normale, mentre è risultata leggermente slargata la prostata; la ricerca di germi comuni e micoplasma, nonchè di Clamidia trachomatis ha dato esito negativo. Per ciò che riguarda il siero: d-Roms 279 (val. rif. 250-320 U.CARR.); attività antiossidante 1,45 (val. rif. 1,30-1,77 mmol/L). Lo studio metabolico e funzionale del testosterone è il seguente: Testosterone totale 7,14 (val. rif. 3-10,6 ng/mL), Testosterone libero 0,20 (0,052-0,21 ng/mL), Testosterone biodisponibile 5,33 (0,72-2,35 ng/mL), Testosterone salivare 38 (50-210 pg/mL), SHBG 15,1 (10-73 nmol/L), Prolattina 14,6 (1,5-19 ng/ml). Ora, dopo circa 6 mesi da queste analisi la prostata è tornata normale attraverso una terapia con Topster supposte e modificando leggermente alcune abitudini alimentari. Ciò che è emerso è il basso valore del testosterone salivare. In pratica il mio andrologo mi ha spiegato che ho un buon livello di testosterone che però a fatica riesce a raggiungere i tessuti. Da ciò si spiegherebbe per esempio il basso desiderio sessuale che ho. Mi ha quindi prescritto un integratore, si chiama Deseo compresse, un mix di estratti di piante esotiche e simili (damiana, griffonia, puama ecc.); a sua detta è un buon vettore di testosterone. Ma secondo voi è sufficiente il Deseo per aumentare il testosterone salivare? Anche perchè questo medico è assolutamente contrario a qualsiasi forma di aiuto sotto forma di pilloline blu o simili. Per completare il quadro sono un soggetto ansioso. Grazie dell' attenzione

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
salve.
da un punto di vista endocrinologico sta bene.
ciò non toglie he una terapia integrativa possa darle quel qualcosa in più che le manca.
alle pilloline ci si arriva casomai per gradi.
cordialmente
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

lei è stato sottoposto ad indagini quasi "universitarie" che però non hanno messo in luce , a mio modesto parere, patologie significative.
Personalmente non sono convinto della utilità di farmaci "trasportatori" ( è sicuro di aver capito bene ?)
Forse una più attenta valutazione delle sue erezioni con un rigiscan o con una valutazione clinica e doppler dopo PGE1 potrebbe consentire una comprensione della efficienza del suo sistema venoso
cari saluti
[#3] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
E un ingrossamento della prostata può in qualche modo influire sul valore basso di codesto testosterone salivare? Sarei curioso di rifare queste analisi ora che la prostata è tornata normale. Grazie dell' attenzione
[#4] dopo  
Dr. Giulio Biagiotti
48% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 88
Iscritto dal 2007
no, non c'è influenza della prostata sul testosterone.
cordialmente