Utente 195XXX
Egregi Dottori.
Sono un ragazzo di 22 anni. Ultimamente con la mia ragazza ho problemi di erezione al momento della penetrazione.
Durante i rapporti orali ricevuti l' erezione è al contrario molto positiva.
Volevo chiedervi se,il fatto che riesca ad ottenere una buona erezione in circostanze diverse dalla penetrazione,possa sostanzialmente escludere un problema organico.( Nella mia ignoranza,penso : "Se avessi problemi organici,dovrebbe funzionarmi male sempre,al di là dell' atto").
Nonostante la apparente semplicità con cui ho descritto il mio dubbio ( me ne scuso) vi assicuro che sono molto preoccupato.
In attesa di un vostro parere,
ringrazio anticipatamente, cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore ,

le sue osservazioni possono essere condivise ed il suo problema sembra avere importanti basi psicologiche.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste tematiche, le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/184-erezione-fare.html .

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Diego Pozza
40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Caro lettore,

se il fenomeno persiste consulti un andrologo.
A Napoli ne troverà di validi ( anche nel sito)
cari saluti
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Fatta la valutazione andrologica poi ci aggiorni, se lo desidera.
[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo alle risposte dei colleghi andrologi.
Una diagnosi andrologica diviene d'obbligo, sia per placare l'ansia, che per escludere possibili cause organiche.
Se la valutazione è negativa, bisogna cercare le cause altre da quelle organiche, cioè relazionali, intrapsichiche, da cattivo apprendimento sessuale, da cattivo utilizzo dell'immaginario, da ansia da prestazione e, tanto altro...
Legga, se desidera, questi miei articoli, troverà spunti di riflessione.
Cari saluti
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/232/I-disturbi-dell-erezione-l-imbarazzo-del-primo-contatto

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/152/Andrologia-e-psico-sessuologia-due-discipline-a-braccetto
[#5] dopo  
Dr. Daniel Bulla
48% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2003
Gentile Utente,
ho visto dai tuoi consulti precedenti che negli ultimi mesi la tua attenzione è spesso rivolta alla sessualità ed al funzionamento del tuo pene.

L'eccessiva attenzione al funzionamento del proprio organo sessuale non depone a favore di una sessualità rilassata, rendendo quindi meno probabile una buona performance.

Perchè tanta attenzione? Perchè proprio adesso?

Io se fossi in te inizierei proprio ponendomi questo tipo di domande.

Secondo me se tu riuscissi a prenderti una "pausa" otterresti già ottimi risultati in area sessuale, ma tu stesso in altro consulto ti sei definito "ansioso", e per definizione gli ansiosi hanno fretta e non riescono a prendersi pause.

Per cui non avere fretta di risolvere a tutti i costi questo problema: vedrai che così facendo inizierai a risolverlo.