Utente 126XXX
Buonasera! Gentili Dottori vi porgo tale quesito poichè è da poco che sono tornato dall'ospedale insieme a mio padre e ci siamo stati dalle 18,00 di qsto pomeriggio.
Mio padre un uomo di 61anni soffre di ipertensione. Da stamani avvertiva un dolore al petto lato sx che si verificava a tratti o meglio con intervalli di 10-5 minuti dove per alcuni secondi sentiva stringersi forse al petto. Visto che la cosa è durata quasi tutto il giorno l'ho portato in ospedale.. In primis gli hanno fatto un ECG con tracciato regolare, poi dopo un consulto con il medico gli hanno iniettato una fiala di Flectadol insieme al Zantac(flebo)(per cautelare lo stomaco),misurata la pressione che era alta 90/150 e gli hanno fatto un prelievo del sangue. Dopo un pò di tempo il dolore è aumentato e gli veniva a tratti adirittura in alcuni casi facendogli mancare il respiro visto che poi ha iniziato a lamentarsi con dolori di stomaco. Ho richiamato i medici ed hanno detto che probabilmente era l'effetto del Flectadol, quindi gli hanno dato del gaviscon e gli hanno fatto un'altra flebo che xò nn ricordo cosa era!! Gli enzimi relativi al controllo di un eventuale infarto sono risultati negativi e dopo 2 ore hanno ripetuto gli enzimi e rimisurato la pressione qsta volta regolare. Gli enzimi hanno dato di nuovo esito negativo a quel punto dopo quasi 6ore di ospedale ci hanno rilasciati. La diagnosi che hanno fatto è che può essere qualke problema muscolare o trattasi di nevrite! il consiglio fare una prova di sforzo con ecodopler!! Il problema è qsto anche se meno frequente e meno doloroso mio padre continua ad avere il dolore che ogni tipo 30 minuti riappare x qualke secondo e poi va via? Possibile che non si riesce a capire cosa sia?? E da escludere del tutto un problema cardiaco?? Sono veramente molto preoccupato spero mi diate qualche consiglio su come muovermi al meglio!! Anche se io volevo portarlo in un altro ospedale e lui nn ha voluto!!
Mi dispiace essere stato troppo prolisso ma ho fatto il possibile per sintetizzare!! Grazie mille per la disponibilità.
Cordiali saluti!! Un figlio in ansia.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
per come descrive il sintomo che affligge suo padre, le probabilità che esso sia di natura cardiaca sono realmente basse. Trattasi di un dolore di tipo colico o nevritico, probabilmente legato ad uno spasmo muscolare, da non escludere la pertinenza gastrica. Giusta l'indicazione al test da sforzo, mentre sotto il profilo terapeutico forse sarebbe utile un miorilassante.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimo Dr Martino la ringrazio per avermi risposto!! Avevo già letto la sua risposta ieri che mi ha cmq rassicurato.
Le volevo fare un ulteriore domanda.
Mio padre è affetto da un pò di patologie. Siccome in questo mese ha avuto più di una colica renale per la presenza di un calcolo che dovrebbe essere rimosso al più presto è possibile che qsto dolore gli è stato causato dal rene che va sottosforzo?
Oppure ho letto che sintomi simili possono prevenire anche dai polmoni, lui soffre di broncosterosi potrebbero essere quest'ultimi che hanno causato qsto sintomo?
Intanto la giornata di ieri la passata bene, xò il dolore va è viene durante tutto l'arco della giornata anche se meno intenso rispetto a sabato. Premetto che oggi sarà dal nostro medico curante per effettuare tutte le verifiche del caso e capire cosa sia la causa!
Vi ringrazio come sempre e vi faccio i complimenti per l'ottimo lavoro che svolgete nell'aiutare le persone in difficoltà siete da lodare.

Cordiali Saluti.
[#3] dopo  
Utente 126XXX

Iscritto dal 2009
Gentile Dott.re,
mi scusi se la disturbo nuovamente.
Mio padre si è sottoposto alla prova di sforzo. Ebbene durante quest'ultima, il medico che seguiva la prova, ad un certo punto lo ha fermato poichè la pressione era molto alta(se non erro la massima 190) e quindi non si è sentito di proseguire.
Gli è stata consiglaita una visita cardiologica. Ma a questo punto mi chiedo allora è possibile che sia un problema che viene dal cuore? O potrebbero essere le patologie polmonari che gli provocano questa cosa?
Cmq ogni tanto avverte sempre quel dolore che poi ci fece andare in ospedale.

Attendo un suo riscontro cordiali saluti