Utente 325XXX
Salve, vi riferisco qui di seguito il mio problema. In seguito ad un rapporto sessuale protetto, mi si sono presentavano sul glande una serie di puntini di colore rosso che dopo una settimana circa sono scomparivano, mentre sul prepuzio(parte esterna in contatto con l'esterno) notavo ad un punto specifico(il lato opposto del frenulo e in corrispondenza della corona) una secchezza della pelle che successivamente desquamava e formava delle piaghette che ovviamente all'atto dell'erezione e quindi della tensione della pelle prepuziale mi provocava dolore. In seguito alla comparsa di questi sintomi mi recavo dal dermatologo, il quale diagnosticava, alla sola osservazione visiva, una balanopostite tramuatica prescrivendomi per i primi giorni gentalyn beta e i successivi giorni afloxiderm( crema all'ossido di zinco)e dicendomi di usare quest'ultima mezz ora prima del rapporto e all'occorrenza. Appena il problema sembrava risolversi e quindi i sintomi scomparvivano, ebbi un rapporto sessuale e dopo qualche ora i puntini rossi sul glande si ripresentarono, provocandomi prurito per poi scomparire dopo qualche giorno, mentre si ripresentava la secchezza sul prepuzio e le fastidiosissime piaghette che tutt'ora ho. Sono ritornato dal dermatologo, il quale mi ha detto che assolutamente non c'è nulla di virale ne batterico, e che devo stare tranquillo in quanto lui riconferma la prima diagnosi(balanopostite traumatica), e che devo continuare ad usare la crema all'ossido di zinco. Inoltre aggiungo che sarei portato ad escludere che la causa possa dipendere da un eventuale allergia al preservativo, perchè seppur vero che nel primo esordio dei sintomi, il rapporto era protetto, nel secondo caso, il rapporto è stato senza preservativo, e inoltre c'è da aggiungere che un problema del genere mi capitò anche l'estate scorsa, ma in seguito ad un rapporto sessuale con un'altra donna e quindi sarei tentato ad escludere che la causa possa dipendere da eventuali malattie sessualmente trasimmibili dal mio attuale partner. A questo punto, io continuo ad utilizzare l'afloxiderm, ma il problema permane ed è piuttosto fastidioso in quanto ho bruciore nella zona dovi si formano le piaghe e ciò mi provoca dolore, e prima di chiedere un consulto ad un altro dermatologo vorrei qualche vostro parere in merito se possibile. Grazie anticipatamente.

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

quadri clinici particolari come il suo non possono essere affrontati e tanto meno capiti e risolti tramite una semplice e-mail e richiedono sempre una attenta valutazione clinica diretta.

A questo punto, senza perdere altro tempo prezioso, consulti il suo medico di famiglia che, esaminato in prima istanza il suo problema, potrà eventualmente indirizzarla successivamente verso una più mirata valutazione specialistica.

Indirizzo il suo quesito anche in area dermatologica.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Casi come il suo debbono essere ben chiariti: sconsiglio l'utilizzo ulteriore di terapie topiche e promuovo sicuramente il riferimento dermatologico per escludere diverse cause patologiche (dalle balanopostiti al lichen scleroatrofico, passando per condizioni più benigne e transitorie)

Saluti
[#3] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Casi come il suo debbono essere ben chiariti: sconsiglio l'utilizzo ulteriore di terapie topiche e promuovo sicuramente il riferimento dermatologico per escludere diverse cause patologiche (dalle balanopostiti al lichen scleroatrofico, passando per condizioni più benigne e transitorie)

Saluti
[#4] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2007
Gentili dottori, vi ringrazio per le risposte, penso che è giunto il momento di cambiare dermatologo al fine di risolvere questo problema,che si ripresenta sistematicamente. Ecco ad esempio oggi il problema secchezza non c'è piu, ma si sono ripresentate le vescicolette minuscole e il prurito al glande, che sicuramente tra un paio di giorni scompare e si ripresenta la secchezza di cui ne parlavo sopra. cordialmente
[#5] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2007
Ma giusto per capire... i sintomi che descrivo potrebbero far pensare ad una sospetta balanopostite di tipo irritativo? e se così fosse, che tipo di terapia, uno specialista indica per un caso simile? quella che è stata prescritta a me? grazie.
[#6] dopo  
Dr. Silvia Suetti
36% attività
4% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Non solo : molte sono le possibilità patogenetiche di una situazione simile.

Saluti
[#7] dopo  
Utente 325XXX

Iscritto dal 2007
grazie.