Utente 195XXX
Salve, ho 39 anni e sono da poco reduce da unalunga polmonite, la quale ha richiesto quasi un mese di antibiotici per la risoluzione. Attualmente le visite pneumologiche (che dovrebbero trovare conferma da esami radiografici in attesa di essere svolti) mostrano una risoluzione.
Il pneumologo mi riferiva che probabilmente questa lenta risoluzione della polmonite è stata causata da un sistema immunitario basso. Dopo una patologia simile il sistema immunitario, a dire di tutti, dovrebbe essere fortemente alterato. Inoltre sento pareri diametralmente opposti su quello che dovrebbe essere il sistema immunitario post patologia. Moltissime e persone mi dicono che in questo momento posso ammalarmi di tutto con forte probabilità, virusparainfluenzali, influenzali o quant'altro giri in questo moento. Quanto possono essere vere affermazioni del genere?
Vorrei valutare oggettivamente lo stato del mio sistema immunitario, ovvero capire quanto il mio organismo è indebolito o quanto in genere è resistente ai normali virus di stagione. Ho effettuato un esame ematico su questi parametri IgA, IgM ed IgG. Possono essere un primo strumento di indagine?
Ringrazio anticipatamente.

Cordiali Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Spesso le polmoniti sono asintomatiche e quando sono evidenti i sintomi sono più difficili da debellare.
Si prende una polmonite e non si fa una lastra del torace, capita spesso.
Quando il germe è più resistente e l'antibiotico dato a largo spettro non è quello giusto, passa anche un mese per la completa risoluzione.
Se poi l'infezione è virale, ancor di più.
Non esistono test specifici per poi aumentare le difese immunitarie in un soggetto normale.
Starei attento alle abitudini, al non fumare se fuma e non soggiornare in ambienti affollati e inquinati.
Fare la vaccinazione antifluezale può aiutare e fare quei preparati lisati batterici del commercio, che possono essere utili.
[#2] dopo  
Utente 195XXX

Iscritto dal 2011
Dott. Corica, la ringrazio infinitamente della risposta. Non sono fumatore e pur facendo una vita sedentaria d'ufficio, cerco di regolare alimentazione e di fare un po di attività motoria.
Lo stress la fa da padrone, soprattutto in un soggetto ansioso come me.
Quest'anno avevo fatto la vaccinazione antinfluenzale, ma l'anno prossimo, seguendo il suo consiglio proverò qualche lisatobatterico, di cui non ero a conoscenza.

La sua risposta è stata antecedente ai miei esami ematici di cui le accennavo, i quali in base a quanto mi scrive non sono esaustivi per valutare il sistema immunitario. Avendole oramai fatte, le allego i valori principali


IgG..................779,0 mg/dl 700 - 1600
IgA..................133,0 mg/dl 70 - 400
IgM..................153,0 mg/dl 40 - 230
IgE totali..........58,80 UI/ml 0 - 100

VES.....................2 mm/h <25

Proteina C Reattiva...0,13 mg/dl 0,00 - 0,50

LEUCOCITI.........6,5 10^3/ul
neutrofili.....62,46 %
linfociti......26,86 %
monociti........4,58 %
eosinofili......5,19 H %
basofili........0,92 %
neutrofili......4,06 10^3/ul
linfociti.......1,75 10^3/ul
monociti........0,30 10^3/ul
eosinofili......0,34 10^3/ul
basofili........0,06 10^3/ul

Eritrociti.......5,61 10^6/ul
emoglobina......16,1 g/dl
ematoctiro......50,8 %
MCV.............90,6 fl
MCH.............28,8 pg
MCHC............31,7 * g/dl
RDW.............12,8 %

Piastrine.......238,0 10^3/ul
PCT..............0,2 %
MPV..............8,8 fl
PDW...............49 (ratio)

Ringrazio anticipatamente della pazienza e del tempo dedicatomi.
Cordiali Saluti