Utente 199XXX
Salve
due anni fa durante un piccolo intervento in anestesia totale al risveglio ho avuto un broncospasmo tanto che non riuscivo a tornare a respirare regolarmente: quasi morivo. Vorrei soltanto sapere se, considerando che ho subito altri interventi in anestesia totale, che ero reduce da una forte tosse non guarita bene al momento, che non mi hanno fatto le lastre ai polmoni, questa può essere una giusta diagnosi per ciò che mi è accaduto. Devo ripetere lo stesso intervento tra pochi giorni. Grazie.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Anna Maria Martin
36% attività
20% attualità
20% socialità
()
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Gentile utente buona sera, se al momento del precedente intervento lei non era perfettamente guarita dalla sua forma respiratoria, questa può sicuramente aver rappresentato una condizione predisponente, anche se dubito che il collega l'abbia addormentata se stava palesemente male. Uno spasmo ed una difficoltà di recupero respiratorio nella fase di risveglio si possono tuttavia verificare anche in persone che stanno perfettamente bene e per svariati motivi, anche meccanici ossia legati al tubo orotracheale. A tutti noi è successo, ma si risolve.
Informi il suo prossimo anestesista, durante la visita preoperatoria che le farà, del suo passato problema e sarebbe meglio se potesse fargli visionare la cartella clinica relativa, per poter ben capire cosa sia successo:stia tranquilla.
Cordiali saluti ed in bocca al lupo.
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Grazie davvero dottoressa, mi sento un po più tranquilla dopo aver letto la sua risposta.Proprio oggi ho iniziato il dh dicendo a gran voce l'esperienza passata e chiedendo il recipero della cartella clinica (è lo stesso ospedale). Speriamo bene!
Saluti.