Utente 199XXX
Salve,
da qualche giorno, notando su superfici chiare e nel cielo linee sottili grigiastre che "galleggiavano" nel campo visivo, ho pensato di recarmi dal mio oculista che mi ha ricevuto velocemente avendo urgenze.
La dilatazione non ha messo in evidenza niente soltanto il corpo vitreo un pò in movimento, quindi, contenta ho lasciato velocemente il posto ad altri pazienti.
Stasera tornando a casa ho notato mentre facevo il bagno che il tappino del balsamo, alla mia destra, emetteva come dei flash che dopo qualche sec sono passati.
La comparsa di flash potrebbe essere un aggravante a cui porre attenzione?
Già che ci sono sfrutto l'occasione per un ulteriore dubbio: nel 2009 in virtù della visione di contorni sfuocati, e saltuariamente diplopia, ho effettuato controlli neurologici e oculistici che hanno messo in luce ,PER ESCLUSIONE, una cefalea con aura. Da un paio di mesi ho iniziato la terapia con stugeron, ma non ho evidenziato miglioramenti; sinceramente non essendo ansiosa e sapendo che cose gravi sono state escluse, mi sono abituata a tali fenomeni.
Potrebbe esserci una correlazione che questi ultimi eventi?
Aspettando cortese risposta,
distinti saluti
[#1] dopo  
Dr. Letizia Mansutti
20% attività
12% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Prenota una visita specialistica
La causa delle "mosche volanti" o MIODESOPSIE che si muovono con i movimenti degli occhi, è un’alterazione della consistenza del corpo vitreo, che può staccarsi dalla retina a cui aderisce (distacco posteriore di vitreo). Le miodesopsie sono frequenti oltre i 50 anni di età, per una naturale perdita di idratazione della gelatina vitreale. Questi addensamenti del corpo vitreo possono portare, nel 15% dei casi circa, ad una rottura della retina. Se, come lei ha giustamente evidenziato, la visita oculistica non rileva alterazioni retiniche, non sono pericolosi. Un nuovo controllo oculistico è comunque consigliabile se aumenta improvvisamente il numero di corpi mobili, oppure se il problema si manifesta anche nell’altro occhio, o quando si percepiscono "lampi luminosi" (fosfeni), oppure se la vista diminuisce in un settore periferico. I lampi luminosi sono provocati dal corpo vitreo che tira sulla retina e possono essere causa di strappi della retina stessa, pertanto si verificano tipicamente in un solo occhio. Sono diversi dalle "fotopsie o scotomi scintillanti" tipici dell'aura oftalmica e non vi è correlazione tra i due fenomeni.
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la tempestiva risposta.
Sinceramente nessuno dei tanti specialisti consultati è riuscito a darmi delle indicazioni precise sull aura visiva, ma tutti mi hanno detto che conferisce vari disturbi visivi.
Stamani le farfalle colorate disegnate sul lenzuolo bianco hanno cominciato a lampeggiare, e mi sono detta "che sarà?"
Sarà aura o sarà legato al corpo vitreo che fa trazione sulla retina? Vorrei avere dei paramentri di allarme per la retina..come devono essere questi flash, quanto invasivi devono essere le mosche volanti.
Ho 23 anni e mi sento di vagare da un dottore ad un altro senzxa un quadro pratico, utile per gestire queste problematiche con serenità.
Distinti Saluti
[#3] dopo  
Dr. Letizia Mansutti
20% attività
12% attualità
8% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 40
Iscritto dal 2009
Cerco di aiutarla ad orientarsi, anche se, dato il variare dei disturbi dall'ultima visita, sarebbe opportuno un nuovo controllo oculistico.

Si definiscono fosfeni i "lampi luminosi" che si manifestano con i movimenti dell’occhio e durano pochi secondi.

I lampi che si manifestano invece quando si passa dalla posizione supina a quella eretta sono duvuti allo sbalzo repentino di pressione del sangue, e quindi di solito non sono allarmanti.

Quando invece si vedono figure luminose poligonali con sfuocamento centrale, che durano tipicamente qualche minuto, soprattutto se seguite da cefalea, è probabile che vi sia una cefalea oftalmica.

Gli aloni postrebbero inoltre essere un campanello di allarme per un’infiammazione interna all’occhio (uveite) o, specie se accompagnati da mal di testa, di ipertensione oculare (glaucoma acuto o subacuto).