Utente 199XXX
Buongiorno,
sto lavorando in Corea e mentre le strutture ospedaliere sono all'avanguardia con macchinari fantascentifici, lo stesso non si puo' dire della professionalita' dei vari dottori, nonche' la totale non conoscenza di una lingua non coreana (difficilmente parlano inglese) e quindi confido parecchio nel vostro aiuto, dover lasciare il lavoro e rientrare in italia sarebbe per me abbastanza drammatico [devo resistere altri 2 anni].

Da circa 1 anno avvertivo dolori ai testicoli (sopratutto al DX) quando toccati in alcuni punti, questo dolore e' andato via via aumentando fino a divenire una fitta insopportabile che fa piegare in due.
Comunque sono andato avanti stando semplicemente attento a non ricevere colpi e/o comunque a mstare attento durante la doccia.

2 settimane addietro pero', anzhe senza nessun tipo di urto ho avuto una fitta molto forte poi passata dopo alcuni secondi, e da quel momento continuo ad avere un doloro diffuso ad entrambi i testicoli con ogni tanto (diciamo ogni 3-4 ore?) delle fitte di dolore piu' acuto, che non mi permettono di camminare.
Queste fitte si manifestano piu' velocemente se cammino o se comunque sono in piedi.

Dato il dolore acuto sono andato subito in ospedale, il dottore (ripeto la non professionalita') subito mi ha diagnosticato una varicocene e quindi fatto fare l'esame del sangue e delle urine ed il giorno dopo una ecografia durata 1 oretta buona.
Purtroppo tutte le analisi sono risultate negative, a detta sempre del dottore le urine sono ok, il sangue non presenta infezioni e l'ecografia non ha dato segno alcuno che facesse pensare alla varicocene (dimensioni uguali, forma normale).

Che faccio? che analisi mi suggerite di fare?
potrebbe essere possibile che il dolore fortissimo che sento sia dovuto ad altro?

Avete delle domande da farmi per vedere se ci sono altri sintomi che magari io al momento non penso siano importanti ma che magari potrebbero essere importanti nel capire cosa analizzare?

Tanto per dare l'idea, le mie visite dal dottore (senza PhD) che parla un pochino di inglese si svolgono circa cosi:

Dr.: where is your pain?
i feel pain here (e indico la zona)
Dr.: i see, do you have blood?
no
Dr.: i want you go with my assistant for analisys (e seguo la ragazzina per fare le diverse analisi)

grazie infinite a tutti

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
Caro utente,credo che bypassare una visita ben fatta sia proprio difficile, poichè il dolore scrotale è spesso di diagnosi impegnativa anche con il paziente davanti. Detto questo, ha dei sintomi urinari associati tipo bisogno di urinare molto sovente quando ha i dolori? I dolori sono in rapporto agli sforzi fisici? Ci sono periodi in cui i dolori sono del tutto assenti? Il dolore è di solito monolaterale?
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Dr. Conti, lo so e me ne rendo conto, ma che faccio lascio il lavoro? lo so che non si puo' certo bypassare una visita da uno specialista, pero' ci devo provare.

magari posso immaginare di fare le analisi che possono servire, faccio una bella sostanziosa cartellina e me la porto in italia dallo specialista.
Unico modo che mi viene in mente per riuscire a stare in italia utilizzando i giorni di ferie che ho a disposizione.

veniamo alle domande in ordine...

1) urinare
No, il bisogno di urinare non e' cambiato rispetto a prima e non provo dolore durante.
Riguardo l'urinare l'unica cosa che mi pare possa essere cambiata e' il getto, forse e' solo l'impressione, ma potrebbe darsi che durante questi ultimi giorni il getto dell urina sia un pochino piu' fievole.

2) sforzi fisici
bella domanda. realmente non so rispondere perche' sforzi fisici non ne faccio affatto, non mi capitano proprio mai, tranne che si possa pensare a sforzo fisico alzare una bottiglia di acqua.
Pensa che debba provare appositamente ad alzare dei pesi per vedere se mi si provoca il dolore?

3) costanza del dolore
in realta negli ultimi giorni no. Magari sono molto bassi tanto che Io possa essere facilmente distratto e non sentirlo piu', ma magari un piccolo movimento delle gambe mi ricordano prontamente che il dolore e' li.

4) monolaterale
Si. difficilmente mi fanno male entrambi contemporaneamente, o e' l'uno o e' l'altro.
solitamente e' il DX, anzi diro' di piu'; piu' che farmi male il testicolo sinistro nel caso, mi fa male lo scroto dalla parte sinistra.


ricapitolando
- un sintomo che ho durante la notte e' questo diffuso doloretto che mi fa venire voglia sempre di allentare gli slip.
- in piedi e quando cammino aumenta il dolore e la fitta dolorosa che mi fa piegare in due capita piu' spesso
- seduto con la posa con le gambe incrociate (anche tipo giapponese/yoga) non mi da alcun fastidio
- ultimamente sento anche un pochino (leggero) di fastidio al basso addome



sensazioni personali:
con queste non voglio mettere sulla strada sbagliata, insomma lo si prenda per quello che e', una sensazione, un convincimento personale su nessuna base scentifica ma se io fossi stato il dottore di me stesso avrei pensato ad un ernia trascurata. il problema e' come vedo se e' un ernia?
[#3] dopo  
Dr. Enrico Conti
44% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2011
mmh.. le probabilità sono a favore di una epididimite. Anche la possibilità dell'ernia inguinale che dia fastidio al testicolo non và trascurata. Esame urine,urinocoltura, spermiocoltura e tampone uretrale. Se tutto negativo antinfiammatori finchè non riesce a farsi visitare per bene, altrimenti potrebbe essere necessaria una cura antibiotica mirata. In queste condizioni di più non si può proprio dire. In gamba e cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Esame urina gia fatto ed il dottore non ha visto nulla da segnalare, me ne faccio dare comunque copia.

Lunedi andro' a fare gli altri, posso chiederle gentilmente come si chiamano in inglese questi esami?

grazie infinite per il suo aiuto.