Utente 199XXX
Sono nato nel 1934.
Ho subito nel 2004 un intervento chirurgico al cuore per parziale occlusione coronarica, con bypass e innesto dell'arteria mammaria.
Tutto bene.
Due mesi dopo l'intervento facevo già un po' di nuoto e immersioni subacquee entro i 10 metri.
Un anno dopo pero' ho avuto un attacco di "fame d'aria", ossia non mi pareva di non riuscire più a respirare profondamente con soddisfazione, ogni respiro era come uno sbadiglio interrotto. Un vero incubo.
Controllo con scintigrafia polmonare negativo. Nessuna causa fisiologica. Quindi mi sono rivolto a uno psichiatra che con un paio di medicine (Paroxetina e Trittico tg mg) ha quasi risolto il problema, che * sparito del tutto con un po' di tecnica respiratoria yoga.
Ora da alcuni mesi, quando vado a letto avverto un frullo atriale rapido che non sento più non appena recupero la posizione eretta.
L'ecocardiogramma da sforzo non ha mostrato nulla di patologico, tranne un innalzamento pressorio fino a 200 al massimo dello sforzo.
Il cardiologo mi ha dato una pillola giornaliera di Perindopril Teva da 0,4 mg e fatto fare un Holter di 24 h, che ha dato i seguenti risultati:

frequenza media (HR) 62, con un min. HR di 35 alle ore 5.06 e un max, HR di 115 alle 18.28.
Rilevate 0 pause superiori a 2m5 sec.
5 VPB isolati.
54 SVPB's (25% di prematurità)
0 coppie SVPN
2 runs SVPB.
Il run più lungo é stato di 6 battiti alle 18.28.13 e il run più veloce ha avuto frequenza di 129 é stato alle 18.28.13.
0 SVPB aberranti
Assenza di episodi significativi di depressione del tratto ST.

Qual é il Suo parere, dottore? Grazie!

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini
32% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2009
Çe aritmie che sono state rilevate all'holter non sono di per se' pericolose, ma il fatto che tendano a presentarsi in runs puo' far preludere ad epiosdi piu' prolungati e fastidiosi. PArli con il suo cardiologo per valutare l'opportunita' di assumere un farmaco per questo problema, dal momento che il perindopril non ha alcuna capacita' antiaritmica.
Cordialita'
cecchini
www.cecchinicuore.org