Utente 199XXX
Salve, circa due anni fa mio marito ha manifestato una reazione allergica (arrossamento, gonfiore e prurito al viso e sul petto) in seguito all'assunzione di una bustina di nimesulide, così da allora il nostro medico gli ha sconsigliato l'uso di tutti i farmaci FANS tranne il paracetamolo. Finora non ha mai avuto disturbi e l'uso del paracetamolo è stato limitato ad un solo episodio in cui si era ferito ad una mano ed ha notato che il paracetamolo come antidolorifico è davvero blando.
A breve dovrà sottoporsi ad un complesso intervento per poliposi nasale molto estesa, e forse dovrà fare anche il setto nasale, intervento che non sarà effettuato nella nostra regione (la Sardegna) ma in Emilia Romagna poichè (ci hanno detto) dispongono di strumenti più avanzati; sono preoccupata perchè so bene che è un intervento con un post-operatorio molto doloroso, per questo chiedo se c'è qualche alternativa al paracetamolo e se l'alternativa fosse esclusivamente omeopatica a chi devo rivolgermi? Il mio medico saprà darmi queste informazioni? Per quanto riguarda i test ci ha detto che secondo il suo parere non era conveniente farli, perchè sono complicati e costosi e fintanto che sta bene non glieli consiglia... Magari se dovesse avere una qualche patologia rilevante allora converrebbe farli. Ma questa non è una patologia rilevante? Chiedo anche se vista l'allergia ai FANS è possibile una manifestazione allergica anche all'anestesia. Naturalmente so bene che farà una preospedalizzazione e parlerà di questo con un anestesista. Grazie di cuore a chi vorrà rispondere alla mia domanda e per il tempo che mi dedicherete.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Le consilio di leggere il mio Minforma sui farmaci e ne saprà di più.

Sarà compito dell'allergologo con l'anestesista vedere se dovrà fare delle prove.

Riguardo i fans faccia le prove a un farmaco alternativo c'è ne sono tanti e nuovi che non danno problemi.
Ci vuole un pò di pazienza e personale esperto.
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio tanto per avermi risposto ed anche in fretta! Chiederò al medico dei farmaci alternativi. Per quanto riguarda l'omeopatia lei cosa ne pensa? Si potrebbero avere buoni risultati o è meglio la medicina tradizionale?
Grazie ancora, saluti.
[#3] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Credo che, quando ci sono cose lievi e senza conseguenze future, l'omeopatia possa essere utile, specie in soggetti ansiosi, ma quando il problema è serio con possibili rischio credo che nessuno si prenda una responsabilità ed è meglio ricorrere alla medicina tradizionale.
[#4] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Capisco. In fondo è quello che penso anch'io.
Aggiungo che ha diverse allergie (acari, assenzio, ulivo, cipresso, cane, ecc.), che sta facendo due vaccini per gli acari e per l'ulivo e che è asmatico, ma suppongo che non faccia alcuna differenza. La ringrazio davvero tanto per il tempo che mi ha dedicato e la saluto cordialmente.
[#5] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Salve ancora.
Vorrei aggiungere dei dettagli e chiedere dei consigli in merito.
Per quanto riguarda l'intervento di cui sopra non c'è stato bisogno ricorrere ad antidolorifici in quanto il postoperatorio è stato indolore (ha tolto solo i polipi).
Scrivo, invece, per avere un parere su un altro episodio:
recentemente a mio marito è stata diagnosticata una periartrite scapolo-omerale e prima di iniziare la fisioterapia deve obbligatoriamente ridurre l'infiammazione e il dolore.
Il medico curante, quando ha sentito questa cosa ha alzato gli occhi al cielo, come a dire: "non posso darti nulla, tieniti il dolore."
Per qualche giorno ha provato a prendere paracetamolo ma il dolore non si è attenuato, poi ha preso per qualche giorno il farmaco PATROL, ma anche li ha avuto un effetto molto blando; non è ancora in grado di tollerare la fisioterapia.
Oggi, per disperazione, ha preso una pastiglia di diclofenac sodico da 100mg.
A un'ora di distanza non ha avuto ancora nessuna reazione negativa. Come possiamo spiegarci questo evento? E' possibile che riesca a tollerare questo principio attivo?
Le reazioni allergiche accertate sono state verso: ketoprofene, ibuprofene e nimesulide.
Secondo lei, in base alle informazioni che le ho dato, potrebbe continuare a prendere questo farmaco diclofenac? E a quali reazioni strane dovremmo stare attenti? Negli altri casi la reazione allergica manifestata è stata di prurito e gonfiore al petto e al viso.
La ringrazio per la risposta che vorrà darmi e la saluto cordialmente.