Utente 200XXX
Buongiorno, avrei bisogno di un parere medico:il mio ragazzo mi ha confessato che durante i rapporti sessuali perde sensibilità al glande e non sente più il piacere. Per ovviare a questo inconveniente, cerca di effettuare la penetrazione con il glande coperto, però durante il rapporto il glande inevitabilmente si scopre e così il problema si ripresenta con la conseguenza che non riesce a raggiungere l'organsmo se non con la masturbazione. Questo non avviene però con il rapporto orale.
Mi ha detto anche che quando è molto eccitato e il glande si scopre, sente la pelle tirare e ovviamente è per lui fastidioso, quasi doloroso. Preciso che durante il rapporto non perde mai l'erezione e che osservando il suo pene non ho riscontrato nessuna anomalia. Potrebbe essere dovuto ad una lieve fimosi? Ho letto che se il frenulo è corto, tira la pelle attorno al glande bloccando la circolazione dei vasi sanguigni facendo diventare il glande insensibile; potrebbe essere questo il caso? Ed eventualmente quale potrebbe essere la soluzione?
In ogni caso sto convincendo il mio ragazzo ad andare dall'andrologo per togliersi qualsiasi dubbio, anche perchè per me la sua situazione non rientra nella normalità. Spero mi possiate dare qualche delucidazione. Grazie in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Cara signorina,
meglio che lo convinca che vi sono alterazioni della sensibilità dovute a problemi ormonalki, prostatici e psicogeni. Il frenulo raro che c' entri qualche c osa.