Utente 158XXX
Carissimi dottori,

questo è il mio quadro clinico: http://www.medicitalia.it/consulti/Otorinolaringoiatria/146147/Rinoetmoidite-crostosa.
Dopo circa 5 mesi di terapie (lavaggi nasali con fisiologica, avamys, vaccino antiacaro etc.) per contrastare una rinite allergica ipertrofica appunto da acari mi viene da chiedere, cosa posso fare di più? per migliorare la situazione? Io non posso aspettare di rimettermi in sesto per poter riprendere la vita di prima, devo accorciare un po i tempi. Mi sapreste perciò consigliare qualcosa? Io dal punto di vista igienico della casa, sto facendo il possibile, quasi quasi diventa una cosa maniacale. Apro spesso le finestre, pulisco con l'aspirapolvere i pavimenti, i termosifoni e il letto (anche le superfici del materasso LATO INVERNALE/ESTIVO), idem il mobilio della camera dove dormo (ho eliminato molti libri). La biancheria intima del letto la faccio pulire da mia madre almeno 1 volta a settimana massimo 2, uso l'acaricida etc.
Le uniche cose che ancora non ho fatto è acquistare il copri materasso e le federe antiacaro (i cuscini gia fatto), debbo procedere nel cambiare anche questi? Nonostante tutto pulisca quasi ogni giorno e tengo l'umidità nella giusta misura?!
Inoltre, in queste ultime settimane sono apparsi nei mass media due prodotti commerciali che sembrerebbero essere favolosi per combattere le allergie: Allergie block (gel) e Sanispira (filtri nasali). Sono efficaci entrambi? Quali dei due lo è di più rispetto all'altro?

Attendo vostre risposte con ansia.

Grazie per l'attenzione!


P.s. Questo è il link dei risultati allergologici: http://img845.imageshack.us/i/001azm.jpg/

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Ha fatto troppe cose e come dice giustamente in forma quasi maniacale.
L'allergia agli acari si tratta come primo passo con la copertura del materasso e del cuscino. Poi si usano i farmaci: antistaminico e spray nasale e poi il vaccino. Non bisogna impazzire perchè non si risolve la situazione ma bisogna partire con serenità e con un obiettivo preciso.
Talvolta si spara su un topino con il canone.
Vedrà che trova la soluzione giusta.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Ok, grazie doc! Provvederò ad acquistare le fodere anallergiche.
Però nell'attesa di guarire (quasi un anno e mezzo in tutto, negli ultimi 5 mesi ho fatto passi da gigante però non ancora sto bene come prima) non potrei fare qualcos'altro? Non so, qualche altro esame? Magari, lei vedendo le analisi allergologiche che le ho postato in precedenza cosa deduce? Senza dubbi, l'allergia che ho è dovuta agli acari, ma non ci sono altri allergeni nascosti da poter scovare oltre a quelli elencati?
Oggi addirittura per contrastare queste dannate bestioline ho messo tutto il materasso al sole.. non so piu dove sbattere la testa!!! A 20 anni sono diventato un vero e proprio casalingo :D che umiliazione!
Comunque, un'altra cosa.. andando a vedere delle analisi di quando ero piccolo, ho notato che il mio pediatra mi trovò una forte allergia all'acaro glicyphagus domesticus, è lo stesso degli altri due più comuni: dermatophagoide pteronyssinus e il dermatophagoide farinae? Il vaccino che sto facendo include anche questo altro tipo di acaro riscontrato?

Mi scuso in anticipo per le tante domande, ma sà com'è? sono agli sgoccioli di questo calvario e vorrei poterlo risolvere al più presto! Ho una vita che mi aspetta lì fuori..

Grazie ancora! Buona giornata!
[#3] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Gli acari importanti sono farinae e pteronissinus.
Ha fatto tutto il possibile, ora è importante stare più tranquillo perchè altrimenti non ottiene nulla. Ci vuole qualche mese per vedere i risultati.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 158XXX

Iscritto dal 2010
Proverò a stare calmo, riporrò in me altre speranze anche se come ho gia detto sono quasi due anni che sto così.
Ora che ci penso, mi viene da chiederle una cosa. Io cambiai la stanza da letto e questa dove dormo ora, da circa 3 anni se non di meno, si affaccia sul retro di un azienda di pasta. E sul retro c'è un muro dell'edificio in cui è situata una ventola che porta via le polveri come semola/farina può essere questa la causa? Se sì, come faccio ad appurare la cosa? E' da collegare alle graminacee? l'unico riferimento che ho è che da piccolo ebbi uno shock anafilattico perchè giocai con una di quelle pistole ad aria compressa all'interno di un locale dove c'erano appunto queste polveri... un esperienza tremenda!
Purtroppo io la stanza la devo aprire per forza per far prendere aria al letto e quindi per combattere gli acari... proverò a cambiare di nuovo stanza...

Buona fine settimana doc ; )
[#5] dopo  
Dr. Jan Walter Schroeder
28% attività
0% attualità
16% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Non c'entra sicuramente la stanza e l'eventuale arrivo della polvere. Può stare assolutamente tranquillo.
Cordiali saluti