Utente 200XXX
Salve, 2 giorni fa durante un rapporto sessuale con la mia ragazza ho avvertito un dolore lancinante e ho verificato la rottura del frenulo,arrestata senza problemi la piccola emorragia ho disinfettato il tutto.
la mattina seguente ho controllato lo stato della ferita,che sembra guarire tranquillamente,non avverto nessun fastidio;mentre controllavo ho notato che sulla parte sinistra del glande è comparsa un piccola vena un po rigonfia,visibile nettamente anche senza erezione, non mi provoca nessun dolore ho fastidio, però mi preoccupa un po'.Vorrei sapere se c'è legame tra i due eventi e se devo preoccuparmi seriamente.
Vi ringrazio anticipatamente.
Cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,
quasi sicuramente c'è l'associazione causa-effetto; sul glande non ci sono vene quindi sicuramente è qualcos'altro (ad esempio un piccolo ematoma), ma purtroppo via web non se ne può giudicare la natura; se persiste è opportuno consultare un andrologo.
[#2] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta tempestiva.
in effetti guardandolo bene sembrerebbe un piccolo ematoma,vorrei chiederle se si riassorbe da solo o c'è bisogno di qualche intervento?
la ringrazio nuovamente
cordiali saluti.
[#3] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Gentile utente, se è un piccolo ematoma non si ingrandisce e si riassorbe da solo. Se permane bisogna farsi controllare.
[#4] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dottore a distanza di due anni si è sviluppato un anello perlaceo sul prepuzio con conseguente restringimento, inizialmente ricordo che queste macchie perlacee sono partite proprio dal frenulo, cosa potrebbe essere, un lichen sclerosus?
[#5] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
La diagnosi di lichen sclerosus è molto complessa e comunque difficile che lo sia: papule perlacee e licheno sono due cose completamente differenti e con diversa causa.
[#6] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la tempestività della risposta ma, volevo dirle che non ho delle papule bensì si è formato nella pelle interna del prepuzio un anello bianco perlaceo, inoltre il prepuzio si ristretto e con il pene eretto questo restringimento non mi consente di far scorrere agevolmente la pelle sul glande.
ho pensato ha lichen perchè vedendo alcune foto su dei blog medici, ho notato una forte somiglianza con quello che è successo al mio pene, inoltre leggevo che si può sviluppare a seguito di una ferita.
Comunque appena possibile faro una visita dal dermatologo perchè sono un po preoccupato.
la ringrazio per la pazienza e la cortesia.
[#7] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Può anche trattarsi di un semplice anello fimotico, come prima visita è più indicata quella andrologica come giustamente postato.
[#8] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
Salve, sono stato dal dermatologo è ha riscontrato un lichen genitale BXO, mi ha prescritto elocon crema per 10 giorni, dopo per un mese dovrò applicare una seconda crema(se non erro balanil).
Volevo chiederle se questa cura è definitiva oppure il lichen potrebbe riformarsi in seguito.
la ringrazio anticipatamente per l'attenzione e la cortesia.
[#9] dopo  
Dr. Gino Alessandro Scalese
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)
Rank MI+ 84
Iscritto dal 2000
Purtroppo il lichen è difficile da curare definitivamente, ma se si ha la costanza di seguire al dettaglio le cure la situazione può progressivamente (anche se lentamente) migliorare sino alla stabilizzazione.