Utente 200XXX
Buonasera,
sono una ragazza di 22 anni, che fino a qualche anno fà ha goduto di una buona salute, in pratica era raro che mi venisse persino la febbre!
Ultimamente me ne stanno capitando di ogni : circa tre mesi fà ho iniziato a soffrire di un leggero fastidio alla bocca dello stomaco che si ri-presentava puntualmente alla fine di ogni pasto e dopo qualche ora, questo mi comporta tutt'ora una cattiva e difficile digestione con meteorismo, reflussi di succhi gastrici, acidità e bruciori. Io pensavo si trattasse di una leggera gastite e quindi per circa una settimana ho deciso di assumere il Malox, ma niente, il bruciore e i fastidi non si placavano e crescevano di intensità di giorno in giorno. Così mi sono rivolta al mio medico curante che mi ha prescritto delle capsule che mi avrebbero protetto le pareti dello stomaco(non mi ricordo il nome del farmaco)da ingerire la mattina e la sera, ma nulla. Dopo due settimane mi ripresento dal mio medico curante che prontamente mi prescrive una ecografia all'addome superiore, dicendomi che probabilmente questi fastidi erano dati da una colecisti e che nel caso non si fosse trovato nulla con l'ecografia, mi avrebbe prescritto una gastroscopia. Ho fatto l'ecografia e mi hanno trovato dei calcoli alla cistifellea che dovrò asportare chirurgicamente, ho portato successivamente il referto al mio medico e mi ha diagnosticato anche le emorroidi(questo è successo circa tre settimane fa). Adesso da circa due settimane accuso oltre al tutto il resto precedentemente descritto, delle fitte non continue e di differente intensità nella parte superiore e sinistra dell'addome/sterno, proprio vicino al cuore e/o polmone e mi stò preoccupando! Queste fitte inoltre, mi prendono quando respiro, la spalla e la clavicola, la mano e l'avambraccio (la parte superiore e posteriore) sinistro. Sono inoltre prossima all'obesità (ho iniziato una dieta per curarmi),stressata, da un anno circa non ho più crisi di panico che ho curato con gocce e alprazolam ,fumo molto e ho una vita sedentaria, oltre al fatto che sono anemica,quando ero piccola soffrivo di ipertensione( ora è normale) e mi è stata somministrata una steatosi epatica circa cinque anni fà. Sinceramente, mi devo preoccupare? Sono dolori intercostali o apparentemente può essere qualcosa di più grave al cuore o ai polmoni? Devo avvertire di ciò il mio medico curante?
Grazie dell'attenzione.
Saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
i suoi sintomi poco sembrano associarsi ad una alterata attività cardiaca. Ne parli con il curante per eventuali approfondimenti, ma in linea di massima sembrerebbero dolori ostomuscolari similartrosici.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 200XXX

Iscritto dal 2011
Buonasera,
volevo ringraziarla, purtroppo con un cospicuo ritardo di qualche mese, per la risposta e per il conseguente referto medico da lei espostomi. Sono stata operata alla colecisti ed i dolori descritti nel precedente consulto non si sono più verificati poiché ho diminuito le quantità di fumo e di liquirizia che assumevo quotidianamente e ho imparato a gestire l'ansia omeopaticamente. Nonostante ciò e sapendo comunque che lei è specializzato in cardiologia, volevo sottoporle un dubbio che da qualche giorno mi opprime e mi rende la vita impossibile: dopo l'operazione che è avvenuta precisamente il 17 aprile, dagli inizi di maggio soffro ancora di reflusso, dolori addominali (a volte) e meteorismo. Inoltre, dopo i pasti, vado in bagno e produco feci giallastre e liquide accompagnate a volte da muco. Purtroppo non è finita qui: probabilmente mi è venuta una bella sinusite che oramai mi trascino dietro da tre settimane e presumo di avere anche una candidosi vaginale. Naturalmente lunedì contatterò il mio medico curante per informarlo dei suddetti sintomi, però siccome sono un pò preoccupata, ritornando ai sintomi di reflusso,meteorismo etc...è possibile che questi siano riconducibili ad una candidosi esofagea o intestinale e che possa successivamente aver intaccato anche l'apparato genitale? Che esami dovrei effettuare? Gastroscopia o colonscopia? Ho letto su Internet che questi problemi(a livello dell'apparato digerente e candidosi varie) potrebbero essere riconducibili al virus dell'HIV e mi sto spaventando a morte! Ho rapporti da 6 anni con la stessa persona, in passato però ho subito degli abusi da parte di coetanei che non ho mai confessato a nessuno, oltre a quelli subiti da mio cugino che ho riferito al tempo ai miei genitori e che sono stati indagati giuridicamente!
La ringrazio in anticipo per qualsiasi cosa lei mi dirà.
Mi scuso se le ho sottoposto un problema che non è di sua competenza, ma non so a chi atri rivolgermi!
Saluti.