Utente 170XXX
Salve gentili dottori,

sono in cura farmacologica per una terapia contro la cefalea tensiva che prevede l'assunzione quotidiana serale di laroxyl 40mg/ml -8 gocce-.
Dal bugiardino ho notato che si prescrive la non assunzione di alcol in concomitanza con la terapia in questione.

Vorrei chiedere se tale divieto è assoluto o se è comunque possibile e priva di effetti nocivi, l'assunzione di una modica quantità di alcol (ad esempio, un bicchiere di birra) magari assunto ad una certa distanza temporale dal momento stabilito per l'assunzione del farmaco.

Ringrazio sin d'ora per l'attenzione

Valuta ospedale

[#1] dopo  
Dr. Tommaso Vannucchi
40% attività
20% attualità
16% socialità
PRATO (PO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Gentile utente
generalmente l'uso di alcol e psicofarmaci (essendo l'alcol stesso uno psicofarmaco)si tende ad evitare per prevenire episodi di potenziamento farmacologico;generalmente(salvo variabilità individuali) un'unità alcolica (es una birra da 33 cl equivale ad unità alcolica) ai pasti e lontano dall'assunzione dei farmaci è ,in linea di massima,ben tollerato.