Utente 200XXX
Salve cari medici,
sono un ragazzo di 26 anni e soffro da tempo di problemi di eiaculazione precoce. Ho deciso di rivolgermi ad un andrologo che mi ha diagnosticato una eiaculazione precoce secondaria (nessun problema di erezione). Mi è stato prescritto un trattamento con sereupin (1 compressa da 20 mg al giorno ) per circa 6 mesi, ma dall'analisi del foglietto illustrativo del farmaco e dalle info che girano in rete circa i suoi effetti colleterali, son rimasto alquanto allibito al punto tale da esser indeciso sull'iniziare o meno la cura. Sinceramente quello dell'EP, rappresenta sì per me un problema, ma non così grande al punto tale di rischiare poi di dover far fronte a problemi ben più gravi (nonché di dipendenza dal farmaco). Tendo a sottolineare che, fatta esclusione per il momento dell'atto sessuale, durante il quale non posso negare d'esser alquanto ansioso e di raggiungere livelli di eccitazione elevati,non soffro di alcun problema di ansia nè problemi depressivi (avevo effettuato un ulteriore controllo psichiatrico pre-visita andrologica durante il quale mi sn stati esclusi problemi di questo tipo)durante il quotidiano e sono pienamente convinto che quello dell'EP rappresenti un problema, per me, non di vitale importanza. Vorrei gentilmente informazioni basate sulle vostre conoscenze ed esperienze con i vostri pazienti circa tutti gli effetti collaterali reali a cui rischierei di far fronte, in modo da valurare se sia il caso o meno d'iniziare l'assunzione del farmaco.
Cordiali saluti, vi ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

la Paroxetina (Sereupin) è un farmaco che inibisce la ricaptazione di una sostanza che si chiama Serotonina e che ha come effetto collaterale quello di allungare i tempi in cui si scatena un'eiaculazione.

E' questo il motivo per cui il suo andrologo le ha prescritto questo farmaco a basso dosaggio; purtroppo però questa sostanza farmacologica non ha l'indicazione specifica per il problema sessuale da lei lamentato ma viene ugualmente usato da molti andrologi, compreso il sottoscritto, quando se ne ritiene opportuna la sua somministrazione.

Quindi il nostro consiglio è quello di riconsultare il suo andrologo e con lui ridiscutere dell'indicazione ricevuta e dei modesti ma possibili effetti collaterali reali che lei rischierebbe al dosaggio indicato.

Nel frattempo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su queste problematiche terapeutiche, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html ,

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/210-dapoxetina-nuovo-farmaco-trattamento-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.