Utente 396XXX
Gentili medici,
da anni soffro di cpps, la cosiddetta prostatite abatterica con dolore pelvico. Sono stato in cura da un medico che pratica il metodo Stanford il quale mi ha detto che la prostata non è in effetti infiammata, ma è in sofferenza per la zona contratta attorno a lei.Ed in effetti dopo un po' di terapia manuale alla ricerca dei trigger points da eliminare il dolore pelvico si era attutito di molto.Molto probabilmente la causa di tale dolore/tensione pelvico è da attribuire ad un passato di prostatiti acute batteriche con recidive e di stenosi del collo vescicale poi operato.Ma evidentemente questo pregresso e la cpps mi porta ancora oggi alla eiaculazione più o meno precoce.
Al momento la cosa che mi dà più fastidio è questa maledetta eiaculazione precoce che crea seri problemi a me ed alla mia patner.Lo stimolo all'eiaculazione avviene praticamente dopo pochissimo dalla penetrazione vaginale.Purtroppo non riesco a fermarlo o controllarlo.Succede praticamente sempre e solo raramente lo stimolo finale arriva dopo 2/3 minuti.E qUando la prostata è molto sofferente mi capita anche una eiaculazione del solo liquido prostatico con vere e proprie peristalsi, in fase di forte eccitazione anche senza sollecitazione fisica.Ho provato anche con preservativi ritardanti ma il risultato è per lo più scarso, segno che non dipende forse da ipersensibilità del glande.QUale consiglio potete darmi?Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
In questi casi il primo consiglio che si dà è quello di tenere sotto controllo il problema infiammatorio; solo in questo modo anche il disturbo sessuale migliora e poi vi sono anche indicazioni terapeutiche mirate che però solo il suo andrologo di riferimento, che conosce in modo completo la sua reale e specifica situazione clinica, le può dare.

Nel frattempo, se desidera avere più informazioni dettagliate su questa frequente disfunzione sessuale maschile le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-rapporto-finisce-eiaculazione-precoce.html .

Un cordiale saluto.