Utente 201XXX
Salve, sono un ragazzo di 32 anni ed ho un problema di eiaculazione precoce. Con la mia ragazza ormai sono 2 anni che le escogito tutte per cercare di far durare il rapporto per un tempo ragionevole. Provo a fermarmi, a pensare ad altro, ma non riesco sempre, dopo neanche 3 minuti che sono dentro e la mia partner comincia a muoversi più velocemente io non resisto e finisco per venire. A volte mi capita di riuscire a fermarmi in tempo, aspettare qualche secondo per poi riprendere per altri 3-4minuti, ma se ripeto la pratica per tre o quattro volte di seguito rischio di avere una erezione non più al top e di finire senza eiaculare, come se fosse passata la libido. Ho provato anche ad avere più di un rapporto nel giro di 1-2 ore di distanza dal primo, ma anche li ho dei problemi, magari il pene si irrigidisce per 5-10 minuti ma non riesco a mantenere l'erezione per più di quel tempo, e l'eiaculazione risulta comunque difficile. Potreste aiutarmi? Ho tentato anche di chiamare per una visita andrologica gratuita (visto che sapevo della campagna promossa dal ministero) ma aihmé non rientro nella fascia di età ed essendo disoccupato non posso permettermi una visita di € 150 - 250 di media..... Sapreste dirmi se è prevista una campagna nelle Marche rivolta a persone della mia età? VI RINGRAZIO IN ANTICIPO PER EVENTUALI AIUTI E CONSIGLI.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
esiste un sistema sanitario nazionale, che con pochi euro sistema la cosa, la campagna basta scuse non ha fasce di età: ne faccio parte. Per cui veda un collega in diretta per diagnosi e terapia che il suo problema potrebbe avere cause fsiche o psicologiche che di qua non posso sapere.
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
gentile Ragazzo,
mi associo al DR.cavallini nella risposta.
Approfitti della campagna di prevenzione della sia e della siu, per diagnosi andrologica certa, poi la terapia si stabilisce di conseguenza.
Consideri che l'e.p., ha cause poliedriche, che vanno analizzate e trattate al fine di evitare che la sintomatologia si stabilizzi.
Legga , se desidera, alcuni miei articoli, troverà qualche spunto di riflessione.
Saluti
http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/581/Eiaculazione-precoce-solitudine-e-sofferenza-di-chi-ne-soffre

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/243/Eiaculazione-precoce-quell-incontrollabile-fretta-del-piacere

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/158/Eiaculazione-precoce-la-solitudine-della-donna