Utente 189XXX
Salve,
Devo operarmi di nuovo per un ernia inguinale sx, ma volevo chiederVi se un'operazione errata può rovinare un testicolo e dopo quanto tempo il testicolo può rovinassi. Premetto che ho eseguito una ecografia e un ecodoPpler dopo sei mesi dall'intervento e tutto era normale.
Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
I problemi generalmente, quando si presentano, sono legati al fatto che l'intervento chirurgico per un'ernioplastica necessita della "mobilitazione" del funicolo spermatico che è, in estrema sintesi, la struttura che porta i vasi arteriosi e venosi al testicolo ed il deferente che invece "trasporta" gli spermatozoi.

Comunque se desidera avere più informazioni al riguardo le sposto il quesito anche in area chirurgica.
[#2] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
L'ernia recidiva è abbastanza frequente,anche se attualmente, l'utilizzo di protesi ne ha ridotto l'incidenza.Per i motivi che ha esposto il collega Beretta,un problema testicolare post-operatorio è possibile(proprio per la delicatezza delle strutture descritte e che vengono manipolate durante l'intervento)ma non necessariamente per una condotta chirurgica errata.Per quale motivo pensa che ci siano problemi al testicolo?Ha praticato una ecografia recente?Se si quale è la risposta?
Saluti
[#3] dopo  
Utente 189XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la Sua risposta
L'ecografia dice testualmente:
Morfologia ecogenicita' ed ecostruttura nella norma.
Non sono presenti lesioni espansive ed immagini riferibili a
Patologia diffusa.
Epididimi di dimensioni normali, esenti da immagini patologiche.
A sx e' presente lieve dilatazione del plesso venoso pampinifirme con vasi che raggiungono calibro 2,1mm e non prendano reflusso con manovra di Valsalva.
Premetto che questo varicocele di primo grado l'ho fatto controllare da in urologo il quale mi ha detto che non e' grave e non devo fare niente.
Un'ultima domanda: il dolore che avverto a sx dove c'e l'ernia può essere riconducibile a terminazione nervosa ingabbiata dalla rete che ha recidivato? E può essere l'operazione eseguita in anestesia locale?
Grazie per la Sua gentile risposta
[#4] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
Nessun problema per il varicocele.La sintomatologia inguinale può dipendere solo dalla presenza dell'ernia.La scelta del tipo di anestesia dipende dall'operatore,di solito essendo un intervento su tessuti già incisi e con esiti cicatriziali in molti preferiamo una spinale.Dovendo eseguire anche lo sbrigliamento della protesi è preferibile coprire gli stimoli dolorosi con un tipo di anestesia più completo.
Saluti