Utente 190XXX
nio padre è stato operato da angioplastica a una coronaria da circa 5 anni e sembra che l'operazione sia andata a buon fine. lui ha 82 anni e prima di operarsi aveva sempre la pressione alta soprattutto la minima, adesso per via della terapia presumo, che gli è stata prescritta ha la pressione sempre bassa ossia la massima a 110 e la minima a 57 o massimo 60 e di conseguenza si sente sempre debole e avverte nausea e molte volte non mangia per questo in quanto questi sintomi gli levano l'appetito. come terapia usa lo zestril 5 mg e il betabloccante concor da 5 mg piu precisamente da 10 mg che divide in due parti. oltre a questo prende anche farmaci per la tiroide e usa lo xantral per la prostata che come effetto negativo porta ipotensione ortostatica. sarebbe il caso di dividere lo zestril a metà oppure eliminarlo del tutto?. faccio presente che in estate è davvero una sofferenza per lui, soffre paurosamente il caldo e la pressione è sempre bassa. io sono gia due giorni che ho diviso la compressa di zestril in due parti e stamane parlando con il medico di base mi ha detto che nel caso dovessi riscontrare ancora pressione bassa posso anche eliminare del tutto lo zestril. lei cosa ne pensa?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
on line è deontologicamente vietato indicarle una terapia farmacologica, ma è regola comune la riduzione del carico farmacologico nell'anziano durante i mesi estivi. Stia perciò alle indicazioni datale dal collega.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 190XXX

Iscritto dal 2011
grazie mille per la risposta, lei è stato molto chiaro ed era proprio di questa risposta che avevo bisogno. adesso so come comportarmi.