Utente 201XXX
Salve, durante un rapporto protetto ho eiaculato all'interno del preservativo continuando però l'atto per altri minuti per voler dar piacere alla mia compagna. In quel momento non ci dovrebbe essere stata nessuna fuga. Terminato il rapporto, dopo circa 10-15 minuti ho gettato il preservativo e pulito rapidamente il pene con un asciugamano (non mi sono lavato) e mi sono rimesso le mutande.
Poco dopo abbiamo iniziato un secondo rapporto non protetto per meno di un minuto, quando cioè abbiamo scelto di proseguire solo per stimolazione esterna.
La mia domanda è questa: dato che la mia compagna è in periodo fertile è possibile che l'eventuale residuo di sperma che poteva essere rimasto sul mio pene abbia potuto fecondarla? Lo sperma, in quantitativo modesto, non dovrebbe essersi essicato fuori dal pene, fuori dal preservativo o fuori dall'ambiente vaginale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

le dimaniche raccontate non sono sicure.

Comunque se, oltre ad essersi "pulito rapidamente il pene con un asciugamano", ha pure urinato, i rischi di una gravidanza indesiderata sono molto ma molto bassi.

Per il futuro prossimo venturo comunque, viste le vostre particolari "performance sessuali", cercate eventualmente un metodo contraccettivo più sicuro.

Un cordiale saluto.
[#2] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio dell'attenzione dottor Beretta.
So che la dinamica raccontata può apparire ridicola. Ho provato ad essere fedele allo svolgimento dei fatti.
Non ho urinato dopo la pulizia approssimativa.
Il dubbio che mi era sorto riguardava le tracce di sperma che potevano essere rimaste sul glande o sotto il prepuzio.
La ringrazio nuovamente e faccio tesoro dell'invito a maggior sicurezza nella contraccezione.
[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene!

Comunque a questo punto, senza eccessive ansie ed inutili paure, monitorizzi il "problema" con la sua compagna e sentite eventualmente insieme anche il suo o la sua ginecologa.
[#4] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
Abuso di nuovo della sua disponibilità in attesa di una visita vera e propria:
- Si riesce a dare un tempo di "sopravvivenza" agli spermatozoi fuori dall'ambiente dei genitali?
- La quantità di sperma esigua e l'esposizione in un ambiente non favorevole rende gli spermatozoi incapaci di arrivare fino all'ovulo?

Cordialmente e grazie davvero.
[#5] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
In situazioni non ottimali, cioè fuori dalle vie seminali, la "sopravvivenza" degli spermatozoi è molto limitata nel tempo.