Utente 139XXX
Gentile dottore, vorrei chiedere alcune informazioni prima di sottopormi a cavitazione, perchè quanto ho trovato su internet mi ha preoccupata:

1) esiste il rischio di sviluppare il seroma: di cosa si tratta? Una forma neoplastica (la finale "OMA" mi ha allarmata)? C'è un modo per evitare il problema oppure si tratta di "sfortuna"? Si può sviluppare anche con soli due trattamenti?

2) se la macchina per la cavitazione usa i kilohertz è pericolosa perchè può lesionare organi interni: meglio sottoporsi a trattamenti con i megahertz

3) ho letto che non bisogna sottoporsi a cavitazione in caso di timpano perforato: non capisco bene la correlazione tra un trattamento su gambe/addome e orecchie. O meglio: mi è stato riferito di un fischio che si sente durante il trattamento, ma quindi è pericoloso a livello timpanico?

La ringrazio per l'attenzione che mi vorrà dedicare.
[#1] dopo  
Dr. Alessandro Medici
24% attività
0% attualità
12% socialità
ALESSANDRIA (AL)
Rank MI+ 36
Iscritto dal 2000
Gentile utente,
per risponderle sinteticamente:
1 - il seroma è una sacca di liquido (praticamente una bolla) che si forma a livello epidermico; personamente ho avuto 2 casi in questi anni ma sempre in combinazione con l'uso della fosfatidilcolina. Si risolve senza lasciare sequele.
2 - la valutazione dell'efficacia di un macchinario sta in diversi parametri (max W, W/cm2, HZ) e nel software che lo governa. Solitamente i medici utilizzano apparecchi differenti da quelli ad uso estetico (ovviamente più potenti); il rischio di lesioni interne è comunque basso e sta anche nella manualità dell'operatore.
3 - poichè gli ultrasuoni a bassa frequenza generano delle onde, allorquando la sonda sia diretta verso l'osso (anche la colonna vertebrale) queste si riflettono fino al complesso mastoideo-timpanico; è dunque normale avvertire un fiscio che tuttavia può risultare fastidioso ma non crea danni al timpano.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 139XXX

Iscritto dal 2009
Gentile dottore, La ringrazio per la Sua rapida e gentilissima risposta.