Utente 174XXX
Stamattina verso le 7, a distanza di più di un anno da quando è successo la prima volta ma in forma 'più lieve', mi sono svegliato di soprassalto poche ore dopo essere andato a dormire con oppressione al petto, pensieri confusi, senso di svenimento imminente (credo di essere svenuto per qualche secondo), forte freddo diffuso con le estremità congelate, battito cardiaco frequente e molto debole, respirazione affannosa. La situazione è andata migliorando fino a quando circa 30/40 minuti dopo l'inizio è tornata completamente normale. Questi sintomi mi hanno davvero spaventato molto e credo, visto che sono una persona abbastanza ansiosa, che ciò li abbia accentuati. Secondo voi c'è bisogno di qualche approfondimento?
Grazie anticipatamente e cordiali saluti.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
I Suoi sintomi non fanno pensare ad un problema cardiaco. Piuttosto, leggendo i Suoi post precedenti, potrebbero avere attinenza con la terapia prescrittaLe dallo psichiatra (o anche dalla sua eventuale sospensione).
Ne parli, appunto, con lo specialista che La segue.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 174XXX

Iscritto dal 2010
Anche se molto in ritardo, grazie per il consulto. Il semplice fatto di sapere che non c'è motivo di pensare ad un problema cardiaco mi permette di gestire molto meglio questi, a quanto pare, attacchi di panico.