Utente 201XXX
Buongiorno,
sono un ragazzo di 30 anni con frequenza cardiaca compresa tra i 70/80 bpm, qualche giorno fa ho avuto dei problemi di tachicardia ( PAMax 140 PAMin 80 FC 105, Esami del sangue ok a parte un leggera mancanza di Potassio). Il mio medico mi ha detto che dall'EGC non risultano anomalie o altri problemi ma che per sicurezza occorre fare un ECG Holter più un controllo degli ormoni tiroidei.
Questa mattina sono andato a correre e credo che i miei battiti siano tornati sui valori normali dopo un'ora. Vorrei sapere se come tempistica é normale oppure no.
Vi ringrazio per l'attenzione.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

il decremento della frequenza cardiaca dopo sforzo dipende da diverse variabili, tra cui la "compliance" all'esercizio fisico legata all'allenamento.

In un soggetto adeguatamente allenato l'incremento dovrebbe essere lento ed il decremento rapido (entro il 3° minuto).

Come correttamente consigliato dal Suo medico curante effettui il dosaggio degli ormoni tiroidei ed il monitoraggio ECG sec. Holter 24h, che può essere utile nel definire il tipo di tachicardia che Lei avverte e rassicuraLa sull'eventuale benignità del fenomeno.

Cordiali Saluti