Utente 201XXX
Salve due settimane fa mi hanno operato di ernia inguinale strozzata con dolori da non augurare a nessuno...andiamo ai fatti, so che sonoe sono stasto operato due volte nella stessa giornata, la prima la mattina cn spinale poi dopo 5 ore in quanto hanno legato male una vena per cui ho avuto un'emmorragia in corrispoendenza della faerita che sembrava una marsupio applicato sulla pelle. In seguito a questa emorragia il sacco scrotale si è rimepito di liquido e sangue (era diventato di dimensioni ciclopiche), sono stato operato la seconda volta nello stesso giorno con anestesia totale e nel post operatorio per 2-3 gg è stato applicato un tubicino per far uscire tutto. Chiaramente avevo il, basso ventre completamente nero anhe negli inguini fino a metà sedere sotto. Ad oggi passate due settimane ho il testicolo destro duro come un sasso come mai? tornerà normale o mi hanno menomato per sempre? sono preoccupato pensate che mi debba far visitare da un urogolo? Come mai è divenato così duro?? Grazie mille vorrei che mi deste un minimo di conforto.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
E' normale se c'è stato un diffuso versamento emorragico,
i cui tempi di riassorbimento possono essere lunghi.
Per una valutazione corretta del quadro che ci descrive tuttavia è necessaria una visita.
[#2] dopo  
Utente 201XXX

Iscritto dal 2011
La ringazio per la cortese e professionale risposta e le chiedo se secondo lei è il caso che mi faccia vedere da un urologo o meno. A proposito mi hanno consigliato di portare una mutanda elastica per 2-3 mesi? A cosa serve?
Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Mi farei rivedere dallo stesso chirurgo che l'ha operata intanto per avere una conferma sulla regolarità del decorso.