Utente 171XXX
premettendo che ho subito un intervento di sotituzione valvola aortica con una protesi biologica di tipo stentless toronto con chiedevo se fosse possibile effettuare un allenamento in palestra per potenziamento muscolare seguendo minuziosamente i consigli riportati su questo sito di cui riporto l articolo interessato ( adesso il cuore è in buone condizioni nn è ipertrofico e il grediente medio della valvola è 30 nessun tipo di rigurgito)(http://www.medicitalia.it/02it/nuovo-consulto.asp?idspec=5xx3&q=consiglio%20su%20un%20attivit%E0%20sportiva%20dopo%20sostituzione%20valvola%20aortica)Palestra:
La questione sull'utilità dal punto di vista medico degli esercizi di potenziamento muscolare in palestra si ripropone di continuo. In linea di massima si può dire che gli esercizi di muscolazione finalizzati alla stabilizzazione della massa muscolare e della funzione articolatoria stanno assumendo un ruolo sempre più importante nella riabilitazione medica. Recenti studi dimostrano che gli esercizi di potenziamento muscolare hanno effetti positivi in vista degli sforzi e delle sollecitazioni della vita quotidiana. L’iniziale disapprovazione da parte dei cardiologi era dovuta all’imprevedibilità ed alle difficoltà di misurazione dei picchi di pressione del sangue. In tali aspetti si intravedeva la possibile causa di ripercussioni negative sul muscolo cardiaco. In seguito ad un intervento di sostituzione valvolare si temeva la comparsa di una notevole pressione a carico della regione di sutura della protesi valvolare con l’arco dell’aorta.
Studi condotti negli ultimi 7 anni dimostrano che gli esercizi di muscolazione di resistenza moderati con pesi pari fino al 50% della forza massima dei singoli gruppi muscolari non rappresentano alcun rischio. I picchi di pressione ematica raggiungono valori preoccupanti in presenza di sforzi compresi tra il 65 e l’80% della forza massima e di un numero di ripetizioni superiore a 15 o di uno sforzo di durata superiore a 20 secondi. Misurazioni eseguite su una macchina di potenziamento muscolare con catetere cardiaco destro hanno dimostrato che un breve sforzo massimo di durata inferiore a 4 secondi non costituisce alcun problema.
Al giorno d’oggi le palestre moderne propongono ottimi programmi individualizzati. È bene verificare le qualifiche del personale ed il controllo di qualità della palestra. la mia domanda è seguendo tali indicazioni potrei fare potenziamento muscolare in palestra con i pesi? oppure sarebbe nocivo? ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

Gli attuali protocolli cardiologici per la concessione dell'idoneità sportiva agonistica prevedono la possibilità di effettuare sport a basso impegno cardiovascolare (Gruppo A) in soggetti portatori di protesi biologiche

"...laddove sia dimostrato una normale funzione della protesi a riposo e durante sforzo
(ecostress fisico), degli indici di funzione ventricolare e l’assenza di aritmie significative al Test da Sforzo e HOLTER comprendente una seduta di allenamento specifico."

Pur dovendo Lei praticare attività sportiva non agonistica le consiglio di effettuare comunque questo iter diagnostico prima di intraprendere attività sportiva.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 171XXX

Iscritto dal 2010
Dottore mi perdoni forse non sono stato chiaro a me nn serve un certificato per attività fisica agonistica chiedevo solamente se un attività non intensa di tonificazione dei muscoli con i pesi in palestra (come descritto dall' articolo sopracitato) possa essere dannoso oppure porti dei benefici per il cuore come afferma tale articolo
La ringrazio anticipatamente
Distinti saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Amico,

La pesistica è un'attività sportiva con impegno cardiocircolatorio di tipo prevalentemente pressorio e quindi tradizionalmente sconsigliata ai pazienti con protesi valvolari aortiche.

Al di la dei singoli studi presenti in letteratura, l'orientamento generale espresso dai protocolli che le citavo, è quello di valutare la sua performance cardiaca con le indagini che le ho prima illustrato.

L'esecuzione di Ecostress fisico, Test da sforzo ed Holter 24h ci permetterà di capire che carichi di lavoro (pressione arteriosa e frequenza) il suo organismo può tollerare senza problemi ed in base a quelli settare un programma di allenamento che le permetta di tenersi in forma senza affaticare il cuore.

Cordiali Saluti