Utente 202XXX
Salve,
il 19 febbraio 2011 a seguito di un incidente in moto, mi è stata diagnosticata una frattura al terzo medio dello scafoide. dopo 45 giorni di gesso corto (sotto al gomito)non è stata rilevata alle radiografie la formazione di callo osseo.
mi hanno dato 2 alternative:
1- un altro mese di gesso
2- tutore con immobilizzazione del primo dito per 1 mese
Ora mi è stato consigliato di fare la magnetoterapia e ho procurato il macchinario. Sulle istruzioni d'uso, nella sezione fratture ossee, dice di utilizzarlo per 30min, quando in questo forum ho letto che và fatta per 6-8 ore al giorno.
che devo fare? nella selezione della frequenza sul macchinario c'è 40-80-160-320-640 HZ, qual'è la scelta migliore?
poi se l'osso non dovesse guarire e non volessi fare l'intervento, a quali rischi vado incontro?
in attesa di una vostra risposta, ringrazio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La frattura dello scafoide richiede in genere una immobilizzazione di circa tre mesi: 45 gg con un gesso lungo e 45 gg con un gesso corto, ma è l'osso di più difficile consolidazione.
Va benissimo la magnetoterapia CEMP (campi magnetici pulsati) che si fa con un apparecchio che si noleggia e che viene consegnato al paziente con il solenoide adatto alla parte da trattare e con i parametri regolati già in ditta per quello specifico tipo di frattura. E il trattamento dura 6-8 ore. Non vorrei che l'apparecchio che si è procurato sia uno di quegli apparecchietti che vendono per posta.
Se la frattura non guarisce i due frammenti vanno in pseudoartrosi, cioè rimangono separati, condizione che può determinare innanzi tutto dolore al polso e impossibilità spesso a compiere sforzi anche banali: non mi pare che sia la soluzione ideale a 22 anni.
Le consiglio di sentire un secondo parere presso un Ortopedico esperto in Chirurgia della mano: qui può trovare gli specialisti per provincia, anche se limitatamente a quelli iscritti alla Società Ricerca Soci per regione http://www.sicm.it/soci_ita.html
Può leggere qui una breve descrizione della frattura di scafoide http://www.ortopedicoabologna.it/index.php?id=50
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per i consigli..in caso di operazione, mediamente quanto si tiene il gesso? dopo l'operazione si riacquista completamente la mobilità?
il macchinario per la magnetoterapia che ho l'aveva comprato una parente, è quello di questo link http://web.tiscali.it/fmed/saniplusextracvlarge.htm
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
20% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
La durata del gesso dipende anche dal tipo di intervento (se è necessario un innesto osseo i tempi sono più lunghi rispetto a una particolare vite in compressione) e dalle abitudini del chirurgo, che comunque Le dovrà spiegare tutto prima dell'intervento, perché anche queste informazioni fanno parte del consenso informato.
L'intervento è finalizzato alla consolidazione dello scafoide e quindi alla ripresa della funzione del polso, ma non posso sapere se il recupero sarà completo.
I CEMP sono tutt'altra cosa rispetto all'apparecchio che mostra; l'ortopedico, nel momento che ha prescritto la magnetoterapia dovrebbe averLe suggerito a chi rivolgersi. In Emilia un punto di riferimento è una ditta di Carpi (MO) che noleggia gli apparecchi per i CEMP; in Lombardia non so dirLe.
Cordiali saluti