Utente 202XXX
Buonasera..Sono un ragazzo di 24 anni che da tempo soffre di ep. Ho consultato un Andrologo, il quale mi ha consigliato di provare la pomata Emla e vedere eventuali benefici-problemi prima di ripresentarmi da lui. Mi ha spiegato che necessita di un applicazione di almeno 20 minuti prima del rapporto e tutte le precise modalità d'impiego. Ha però tralasciato due dubbi che avrei piacere di risolvere: 1 In caso di rapporto sempre CON preservativo, è obbligatorio risciacquare il glande oppure no? 2 il risciacquo necessita solo di acqua o può essere anche effettuato con detergenti tipo salviette igienizzate?(Domanda fatta dato che la quasi totalità dei miei rapporti non avviene a casa)...Mille Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
non entro nelle dinamiche della visita ma non utilizzo che molto raramente quel quel rimedio.
Deve rimuovere completamente la pomata lavando o utilizzando il profilattico se no anestetizza la ragazza, lavi con acqua non sufficienti le salviewtte
[#2] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone
60% attività
20% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2010
Gentile Ragazzo,
mi associo al DR.Cavallini nella risposta.
Ridurre alla somministrazione dell'emla, la cura dell'e.p., è riduttivo e vano, infatti le cause che concorrono a mantenere il disturbo clinico, sono svariate e poliedriche, così come l'approccio terapeutico.
Consulti un andrologo, per diagnosi certa, vi sono tanti tipi di e.p.,e, poi valuti un approccio globale alla sua disfunzione sessuale.
L'approccio terapeutico, potrebbe essere:
counseling psico-sessuologico, psicoterapia, terapia di coppia ad orientamento sessuologico, trattamento integrato( farmacoterapia e terapia mansionale), farmaco on de mand( cioè al bisogno).
ottimale sarebbe però un lavoro mirato e caleidoscopico, adatto alla sua storia clinica e sessuale
Una “diagnosi non completa” ed una terapia che non affronti le cause nella loro globalità, possono costituire , un fattore di mantenimento del disturbo nel tempo, anziché la risoluzione della disfunzione.
Legga, se deisdera, lacuni dei miei articoli, potrebbe trovare qulache spunto di riflessione.
Cari saluti

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/243/Eiaculazione-precoce-quell-incontrollabile-fretta-del-piacere

http://www.medicitalia.it/valeriarandone/news/581/Eiaculazione-precoce-solitudine-e-sofferenza-di-chi-ne-soffre