Utente 202XXX
Salve, sono un ragazzo di 18 anni e questa è la mia situazione. A seguito di un problema con le gambe che si indolenzivano spesso, risultato poi derivato da un problema di schiena, mi sono accorto di un varicocele, diagnosticato come di terzo grado al testicolo sx e di una fimosi. Il problema si è fatto sempre più fastidioso: provo un continuo senso di pesantezza, qualche volta sento come se le vene pulsassero e addirittura "pizzicassero" con uno spillo e sento un dolore sordo e continuo come (ma meno forte) quello provato dopo un urto ai testicoli. Mi è stato detto in una visita andrologica che il mio varicocele presenta un enorme afflusso di sangue. I risultati dello spermiogramma sono ottimi. Il varicocele mi crea disagio, sia nella vita di tutti i giorni che nella vita sessuale; non dovrebbe essere collegato a problemi di erezione direttamente, ma credo che il forte afflusso di sangue venoso e il fastidio derivato influenzino notevolmente. Mi è stato sconsigliato l'intervento chirurgico ma vorrei farlo: l'unica terapia offertami è quella di portare degli slip. Li ho anche portati ma il "supporto" non fa altro che farmi sentire ancora di più il sangue pulsare. Voi cosa mi consigliate fare? Questo problema mi ha portato a riflettere su altri sintomi da me fino ad allora notati della sfera sessuale e trascurati per paura o inesperienza: mi sono quindi deciso ad affrontarli. La fimosi ha causato la mia incapacità di godere appieno dell'atto sessuale. In 3 anni vissuti con una partner fissa (la prima) non ho mai raggiunto l'eiaculazione durante un rapporto completo, ma è sempre avvenuta mediante un rapporto orale. L'erezione spontanea avviene pochissime volte, al mattino quasi sempre il pene non è eretto e ho notato che lo è quando ho la necessità di urinare appena sveglio. Non è da escludere anche una componente emotiva dato che sono una persona ansiosa e poco sicura di sé. Credo di soffrire di scarsa sensibilità poiché durante i rapporti poco stimolo fisico, qualche dolore per la fimosi e ora questo senso di pesantezza al testicolo sinistro che mi portano a lungo andare a perdere la voglia di continuare il rapporto e l'erezione. Quest'ultima avviene raramente ad inizio rapporto, ma spesso ho avuto bisogno di una stimolazione manuale del partner prima di procedere alla penetrazione. L'erezione inoltre non mi pare particolarmente rigida se non nei momenti prima dell'eiaculazione, in cui noto che il mio pene è completamente eretto e turgido. Ho spesso avuto difficoltà infatti nella penetrazione poiché spesso il pene non rimaneva eretto. La forma è drittissima e non ha alcun tipo di pendenza. La pelle del glande mi pare spesso come secca o screpolata e per la masturbazione ricorro spesso all'utilizzo di acqua, con la quale tutto procede normalmente. Qualche volta sento infine dei lievi dolori al basso ventre, nell'eiaculazione e con l'urina, avendo la sensazione che quest'ultima mi scotta mentre fuoriesce. Penso sia tutto. Ringrazio anticipatamente.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
qua ci sono un bel po di cosette.
La prima: secondo le linee guida dell' European Association for Urology, l' intervenyto di varicocele è consigliato quando:
1) ci sono problemi di infertilità (non è il suo caso),
2) quando fa male (apparentemente è il suio caso)
3) quando ci sono alterazioni della matuirazione testcolare (non sembra il suo caso)
La fimosi va valutata ed eventualmente operata. Lasci stare le erezioni mattutitine che nulla c' entrano con la capacità sessuale.
Una volta cavati dolori, dolorini e doloretti, vedremo anche che succede con erezioni spontanee: diffficile avere certe idee od essere rilassati (e quindfi avere erezioni spontanee) se fanno male i come si chiamano. Ovvie tutte le sensazuioni strane, se veramente ha fimosi, quando urina.
Detto questo l' emotività c' entra sempre, ma prima mettiamo a posto il fisico. Che pare, dico pare,m ne abbia bisogno.
[#2] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille per la tempestiva risposta: mi sono accorto di un errore da me commesso, ovvero che più che di fimosi si tratta un caso più comune di frenulo corto, per il quale dovrei operarmi a breve. E' un intervento semplice e quindi non sono per niente preoccupato.
Quello che mi angoscia di più ( oltre al resto dei problemi) è la presenza costante di questo fastidio testicolare e l'assenza di una terapia che mi dia la speranza di un miglioramento.

Quindi mi dice che prima di passare al resto è meglio risolvere questi problemi(Varicocele e frenulo) e poi vedere se la situazione sessuale migliorerà in assenza di questi problemi?
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
intanto sistemerei il fisico, poi se rmane qualche cosa, ci sono li psicologi, che però preferiscono lavorare se la parte organivca non è ok.
[#4] dopo  
Utente 202XXX

Iscritto dal 2011
Oggi durante un compito in classe ho sentito un dolore molto simile alla sensazione che si ha dopo aver ricevuto un pugno proprio al testicolo sinistro, continuo, "pulsante" e molto localizzato.
Mi sono molto preoccupato e appena ho potuto sono uscito di corsa e mi sono esaminato in bagno: le vene del varicocele erano grandissime ed il testicolo sinistro al tatto risultava più molle e piccolo. Mi sono massaggiato e lentamente il dolore si è attenuato, ma è quasi sempre presente.
Vorrei operarmi il prima possibile di varicocele, ma l'andrologo dice che non risolverebbe il mio problema (derivato dunque non so da cos'altro...), che correrei rischi inutili dato il mio buono spermiogramma e dovrei unicamente portare questi slip che però non fanno altro che aumentare il mio disagio stringendo tutto! Sono dovuto correre a casa per sbragarmi e rilassarmi per trovare un po'di pace.
Voi consigliereste un intervento nel mio caso?
Se il problema non dovesse essere il varicocele, un simile dolore da cosa può essere derivato? Vorrei intervenire il prima possibile perchè la cosa sta seriamente impedendo di vivere la quitidianità in modo sereno, figuriamoci la vita sessuale.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini
52% attività
20% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
caro signore,
la manovra per vedere se è il varicocele a fare male è molto semplice e si fa durante visita, di qua non posso sapere altro. Non posso visitarla. magari senta altra campana.