Utente 811XXX
Ho 70 anni, nessun scompenso o malattia eccetto gonartrosi e acufene. Ipercolesterolemia familiare.
Ho perso buona parte del campo visivo superiore all'occhio sinistro. Dodici anni fa avevo subito un fenomeno analogo e la diagnosi fu "origine vascolare", basata sulla fluorangiografia effettuata.
Il disturbo guarì spontaneamente ma non completamente nel tempo.
Attualmente ho di nuovo effettuato la fluorangiografia, il referto recita: OD normale OS area iperfluorescente a livello della papilla ottica in esiti di neuropatia ottica e difetti dell'EPR extrafoveolari superiori.
L'analisi delle fibre del nervo ottico mostra una alterazione a carico del fascio superiore in OS.
Successivamente ho fatto esami del sangue, PCR, formula ecc. risultati normali, e ricerca per toxoplasma, risultata positiva (650kUI/l).
L'oculista non ha emesso diagnosi e mi ha prescritto Epinerve a mesi alterni.
Ha escluso cataratta o danni alla pupilla, e comfermato rischio glaucoma a causa di pressione oculare alta, riportata però a valori normali con uso sistematico di Timoptol 0,50.
Può sussistere una toxoplasmosi oculare grave alla mia età? Come si cura?
Grazie
[#1] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Prenota una visita specialistica
Buongiorno, in relazione a quanto ha riferito (pregresso episodio di neurite su base vascolare e glaucoma), sembra molto improbabile che il problema possa essere legato ad una infezione da toxoplasma, completi eventualmente lo studio ematologico con titolazione anticorpale per verificare la reale importanza dell'infezione e ne parli con il suo medico curante.

cordialmente
[#2] dopo  
Utente 811XXX

Iscritto dal 2008
La ringrazio molto.
[#3] dopo  
Utente 811XXX

Iscritto dal 2008
Chiedo scusa.
Dopo tre mesi curato con Epinerve nessun cambiamento.
E nessuna diagnosi precisa.
Coas'altro posso fare? Qualche altro farmaco?
Farmi visitare per esempio dall'oculista che mi ha fatto la fluorangiografiae ha prescritto esami supplementari?
Per l'eventuale toxoplasmosi per ora non ho fatto ancora nulla perchè mi sembra irrilevante.
Tra l'altro l'esame accerta sì presenza di anticorpi maa l'infezione può essere remota e ormaai risolta, mi dicono.
Scusate, cosa vuol dire "difetti dell'EPR extrafoveolari superiori"?
Grazie.
[#4] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buongiorno, l'Epinerve è una terapia di sostegno, può aiutare a limitare un peggioramento, probabilmente il deterioramento del nervo ottico legato al suo glaucoma e pregressa neurite vascolare non potrà migliorare, è giusto a distanza di tre mesi ripetere una visita oculistica per fare il punto e valutare un eventuale trend della patologia.
EPR sta per Epitelio Pigmentato Retinico, la fovea è la parte centrale della retina, i "difetti" rappresentano delle lesioni di tipo degenerativo molto comuni alla sua età.

cordialmente
[#5] dopo  
Utente 811XXX

Iscritto dal 2008
Gent dott. Rotondo il disturbo si è aggravato dopo che a fine giugno e a seguito di IMA ho subito un BPaC triplice.
Un oculista evoca la ricaduta di una vecchia papillite di dieci anni addietro.
Un altro prima evoca poi esclude glaucoma, retinite, foveite e maculopatia. Mi invia da un terzo oculista, neuroftalmologo che ipotizza un danno al nervo otti di tipo da accertare. Ho fatto OTC Potenziali evocati, farò domani RMN orbita e AngioRMN al Gadolinio (!).
Avevo anche effettuato RMN encefalo e rachide, come sospetta causa neurologica dei dolori mandibolari poi rivelatisi specifici all'infarto.
Infine ecocolordoppler cardiologico e ecocolordoppler TSA: tutto nella norma.
Miodesopsie comparse con forma di spruzzi di punti neri sono molto diminuite con uso di pastiglie solubili di Oxigen (?).
Troveranno qualcosa da curare?
[#6] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Buonasera, Speriamo che trovino qualcosa da curare, completi l'iter diagnostico, mi pare che comunque sia ben seguito, sembrerebbe a questo punto che la maggior parte dei suoi problemi sia di natura vascolare.
con i migliori auguri
[#7] dopo  
Utente 811XXX

Iscritto dal 2008
Per ora non trovano niente. Prescritta nuova RMN in un laboratorio diverso, migliore (??)
Ipotesi: idrope che interessa il nervo ottico.
Suggerita da presenza di acufene da idrope dell'orecchio interno. Causa sregolazione dell'ormone ADH. Boh!
Intanto il campo visivo peggiore un pochino ogni giorno.
[#8] dopo  
Dr. Enrico Rotondo
40% attività
0% attualità
16% socialità
LECCE (LE)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2010
Ipotesi suggestiva, ma plausibile...faccia anche questa RMN ed attenda con pazienza e fiducia.

cordialità
[#9] dopo  
Utente 811XXX

Iscritto dal 2008
Dopo tre diversi oculisti e tutti gli esami possibili, la conclusione è:
no glaucoma, no uveite, niente infezioni, vitreo un po' compromesso, cataratta da eseguire senza fretta.
Terapia: collirio Azopt e bustine di colina.
Nessuna diagnosi precisa per la perdita del campo visivo OS; solo "sospetto evento vascolare".
Morale: dopo una anno di peggioramento Il campo visivo adesso migliora leggermente, da solo.
Speriamo che continui.
Saluti e simpatia.