Utente 202XXX
salve,vorrei esporvi il problema di mia mamma(50 anni-1,55m-70kg circa,modesta anemia,familiarità per ipertensione e morte improvvisa di sua mamma per ictus scaturito da pressione alta).Una settimana fa si è sottoposta ad una visita cardiologica di controllo presso un'asl del nostro paese dato che era da tanti anni che non la faceva. La visita è consistita in un ECG,misurazione della pressione,e visita con stetoscopio. Ecco l'esito dopo l'ECG:
P.A. 200/1OO (circa ore 9:00,premetto che mia mamma era agitata),
I.A. grado 3,stadio 2,
compromissione del miocardio con necrosi e sovraccarico diastolico,
dispnea classe 2-3
cardiopatia ischemica
e ha aggiunto che se non fosse andata a fare quella visita di li a qualche mese sarebbe morta.
TERAPIA: quinazil 20(una cpr appena sveglia)e caravel 25(mezza cpr ogni 12 ore), analisi di routine più FT3 FT4 e TSH,attività motoria.Controllo dopo un mese.
La terapia l'ha eseguita dal giorno successivo.
Preoccupate dopo una settimana ci siamo rivolte ad un altro cardiologo per avere un riscontro e l'esito è stato un pò differente.
La pressione era comunque alta 160/90(circa ore 19:30),ma dopo l'ECG e dopo l'ecografia ci ha detto in termini semplici che questa necrosi non c'era e che se l'altro cardiologo avesse ripetuto l'ECG facendola respirare in un altro determinato modo si sarebbe accorto che il suo cuore non è così compromesso;ha poi aggiunto che il suo cuore è tonico ma è solo affaticato dalla pressione alta trascurata negli anni.
TERAPIA: MICARDIS PLUS una cpr ore 15:00,ATENOLOLO 100 mezza cpr ore 8:00,attività motoria,dieta senza sale. Dopo un mese controllo più holter.
Ora mia mamma ha cominciato questa nuova cura.
Ecco alcuni risultati delle analisi fatte:
COLESTEROLO TOTALE 207mg/dl(bordeline alto:200-239),
COLESTEROLO LDL 135 mg/dl(ris.moderato:130-159),
LDH 551 U/I (valore di riferimento:fino a 570),
CPK 70 U/I(valori di riferimento donna:24-180).
Le riporto anche alcuni valori dell'analisi dell' urina:
peso specifico 1.030,
proteine assenti,
emoglobina tracce,
zuccheri tracce,
cell.sfal.basse vie varie,
cristalli di ossalto di calcio rari,
batteri alcuni.
I risultati per la tiroide non sono ancora pronti.
Vorrei ora chiederle un suo parere sulla situazione. Noi siamo confuse. E'possibile che l'ECG sia diverso da un medico all'altro? Lei cosa ne pensa su tutta questa situazione?
La ringrazio in anticipo per la sua disponibilità e attendo una sua risposta.
CORDIALI SALUTI

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Fabio Fedi
28% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2008
In linea generale, e non posso sapere se è il caso di Sua madre, all'ECG effettivamente possono comparire alcuni segni che suggeriscono la presenza di un pregresso infarto. E' comunque buona norma che il reperto venga confermato da ulteriori accertamenti.
Riguardo al caso specifico, pare che Sua madre sia affetta da ipertensione arteriosa finora non conosciuta, ed è compito dei colleghi curanti prima di tutto evidenziare se tale situazione abbia o meno provocato danni agli organi-bersaglio dell'ipertensione (cuore, reni, occhi, cervello, eccetera), oltre che trattare efficacemente l'ipertensione stessa a mezzo di farmaci e di regole di stile di vita (regime dietetico, astensione dal fumo, attività fisica).
Cordiali saluti