Utente 277XXX
cari dottori
conoscete oramai la mia storia clinica. A livello fisico posso dire di stare bene, certo nn mi sento ancora quello di una volta ma sto bene. Non ho più fastidi all'osso sacro, gli unici fastidi li avverto, siccome bevo più di tre litri di acqua al giorno, quando si riempie la vescica, nn riesco ad urinare bene, sembra che nn si svuoti la vescica. Anche l'erezione è quasi ok, il problema ora è il desiderio, mi sembra di non avere mai voglia, forse questo problema che ho avuto mi ha condizionato tanto a livello psicologico. Prima il sesso per me era un chiodo fisso, se vedevo una bella ragazza nn potevo che fare apprezzamenti, ora mi sembra di non riuscire a vedere se una ragazza è bella o no,poi se prima facevo pensieri osè subito avevo un erezione, ora invece nn riesco a pensarci. Mi sono passate tante cose per la testa anche che una persona come me che ha sempre avuto voglia di sesso dopo un problema alla prostata possa essere diventato gay, anche se continua a fare l'amora con la sua ragazza e che se la vede ha delle erezioni e poi vado per fare il rapporto e ne sono soddisfatto sembra di nn provare niente. Vi prego datemi un consiglio

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro lettore ,
cerchi di non andare in depressione . Spesse volte una patologia infiammatoria a livello delle vie seminali, come la sua, può determinare poi un problema psicologico con temi depressivi. Bisogna con forza e determinazione venirne fuori eventualmente aiutati anche da un esperto e bravo psicologo.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#2] dopo  
Dr. Roberto Mallus
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Gent.le utente,
ho letto attentaemente quanto Lei ha scritto e l'unico vero consiglio che risesco a darLe e di rivolgersi ad uno serio psicologo.
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro ragazzo sulla base di ciò che lei racconta è certa una problematica di tipo emotivo/psicologica, che probabilmente meriterebbe attenzione, magari facendosi seguire da una figura specializzata.
Non concordo nel suo atteggiamento circa l'assunzione di oltre 3 litri d'acqua al giorno...non ce ne è bisogno! a meno che lei abbia tanto piacere di bere. E' comunque ovvio che con un carico idrico così massiccio si possano verificare disturbi urinari ed in particolare a carico della vescica che viene sottoposta a regimi pressori di riempimento esagerati o ad eliminazioni incomplete del suo contenuto.
Dunque la invito a regolarizzare la sua assunzione quotidiana di acqua entro 1,5 litri.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#4] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
Cari dottori
grazie per le risposte. Allora le mie idee riguardo all'omosessualità sono infondate? Poi caro dott. Masala se bevo circa 3 litri d'acqua al giorno è perchè mi ha consigliato il mio urologo, dicendo che ne avevo bisogno dopo il problema alla prostata.
Vi ringrazio
[#5] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
Cari dottori
grazie per le risposte. Allora le mie idee riguardo all'omosessualità sono infondate? Poi caro dott. Masala se bevo circa 3 litri d'acqua al giorno è perchè mi ha consigliato il mio urologo, dicendo che ne avevo bisogno dopo il problema alla prostata.
Vi ringrazio
[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
è proprio così; il suo problema è solo di natura psicologica. Sull'uso di tre litri di acqua al giorno concordo con il collega Masala . Le riduca a uno, massimo due litri al giorno.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#7] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
dottori volevo farvi un'altra domanda:il valora del PSA di 0,52 è da considerarsi buono?
[#8] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...ottimo (ma chi lo ha consigliato ?)...Cordialità
[#9] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
mi associo alle perplessità del collega Izzo. All'età di 21 anni , senza precise indicazioni cliniche, il dosaggio del PSA è una indagine di laboratorio inutile.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#10] dopo  
Dr. Giuseppe Benedetto
28% attività
0% attualità
16% socialità
VICENZA (VI)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2004
alla sua età a cosa serve il PSA ?
[#11] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
...comunque a questo punto per lei è l'importante non crearsi inutili problemi di natura psicologica.
Ancora un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org
[#12] dopo  
Utente 277XXX

Iscritto dal 2007
cari dottori volevo farvi una domanda?
il mio aspetto psicologico è migliorato forse perchè è da una settimana che sto assumendo ginkgo biloba, mi fa stare più sereno nei rapporti; mi chiedevo se però questa sostanza possa farmi infiammare la prostata dato che sono reduce sa prostatite?
Tutti gli afrodisiaci sono sconsigliati per chi ha problemi di prostatite anche quelli naturali?
[#13] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Caro lettore ,
tranquillo non vi è nessuna segnalazione di un possibile ruolo dei prodotti estrattivi da lei citati nello scatenare un problema infiammatorio a livello delle vie seminali, prostata compresa.
Un cordiale saluto.

Giovanni Beretta
www.andrologiamedica.org