Utente 203XXX
Buonasera,due settimane fa mi sono sottoposta ad un intervento chirurgico in anestesia totale per una bonifica del seno mascellare dove si era creata una fistola a seguito di un'estrazione di un dente,leggendo vedo che i casi con fistole oro antrali si creano dopo estrazioni dal dentista,accrescendo in me la paura di ritrovarmi di nuovo in questa situazione togliendo il prox dente,a cosa dobbiamo stare attenti?dipende dalla nostra struttura ossea o dalla troppa forza con cui vengono estratti?ieri ho tolto i punti e mi ritrovo di nuovo con un buco nella gengiva e quando passo il colluttorio di nuovo mi esce dal naso il liquido,ma è normale o dovrò rimettere i punti?e se dovesse infiammarsi di nuovo dovrei sottopormi ancora ad un intervento?non c'è guarigione?scusate le tante domande ma è la prima volta che ho questo problema e togliere la garza che avevo da una sett nella guancia facendola uscire dal naso è stato dolorosissimo.grazie per la vostra attenzione alle mie paure.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Auletta
28% attività
16% attualità
16% socialità
GIUGLIANO IN CAMPANIA (NA)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2009
Gentile utente la formazione di fistole oro-antrali di origine dentaria in relazione al numero di estrazioni che si eseguono è una manifestazione rara.
Sulla causa che ha prodotto tale lesione le possibilità sono diverse,ma se non sono presenti residui dentari nella cavità sinusale è difficile che sia stata una manovra scorretta del dentista a provocarla,ma più probabilmente una relazione diretta delle radici dentarie con la mucosa dentaria,relazione che a seguito dell'estrazione ha provocato una comunicazione che non è guarita spontaneamente.
L'unica attenzione da prendere per una nuova estrazione a rischio, sarà quella di provvedere da parte del dentista ad una attenta gestione dell'alveolo post-estrazione.

Sull'esito chirurgico in corso attenda ancora qualche giorno evitando di creare forti pressoni intraorale atte a danneggiare i fenomeni riparativi oro-antrali.