Utente 203XXX
ho 42 anni e da un po di tempo soffro di tachicardia notturna: mi sveglio nel cuore della notte con il cuore che batte impazzito, formicolio alle mani e alle gambe e in seguito mi prende un violento tremore. Questi episodi si ripetono anche 2 volte e poi non riesco più ad addormentarmi per l'agitazione. In seguito a ciò ho già fatto più volte elettrocardiogrammi, holter, eco cardiogramma e esami del sangue e non risulta nulla di patologico che possa spiegare questi eventi. Anche la tiroide è a posto. Il problema è che ora non riesco più a dormire per la paura di questi eventi e anche di giorno mi sento sempre il cuore accelerato e un nodo alla gola. Il medico mi ha consigliato di andare da un aritmologo, ci andrò nei prossimi giorni, intanto mi può dare qualche consiglio? grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'unico consiglio valido, anche se banale, è l'assunzione nel corso del giorno e soprattutto prima di dormire di calmanti naturali come valeriana, camomilla e passiflora. Necessiterebbe, magari, anche di una terapia farmacologica, che on line, capirà, non le può esser data. Abolisca il consumo di caffè e thè, fumo ed alcool e riduca i pasti notturni.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
In verità inizialmente ho assunto per una settimana ogni sera 10 gocce di Compendium (bromazepam), ma poi ho smesso e il problema non si è risolto...forse dovrei continuare per più tempo ma ho sempre paura di creare una dipendenza e speravo di cavarmela con rimedi naturali che assumo e che invece forse non sono sufficienti....
[#3] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
ormai sono due mesi circa che continuo ad avere questo disturbo della tachicardia notturna. sto assumento da circa un mese lo xanax che mi è stato consigliato dal medico di base. Dopo essermi sottoposta all'ennesima visita cardiologica con esito negativo, oggi sono andata da un neurologo, il quale ha convenuto che effettivamente si poteva trattare di un disturbo causato dall'ansia, e mi ha suggerito di aumentare il dosaggio dello xanax da 10 gocce serali a 20 più 10 diurne. Mi ha anche parlato della possibilità di assumere un antidepressivo. La mia paura è di diventare dipendente dai farmaci, li assumo veramente con diffidenza e mal volentieri, anche se devo ammettere che l'ansiolitico mi aiuta molto ad affrontare i momenti di sconforto notturni.....
[#4] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile Utente, può esserLe utile anche consultare uno psicoterapeuta per il problema di cui ci ha parlato.
Accanto alla terapia farmacologica è molto utile un trattamento psicoterapico che possa aiutarLa a modulare in maniera più efficace l'ansia e utile anche ad evitare l'instaurarsi di un meccanismo di "paura della paura" ("...Il problema è che ora non riesco più a dormire per la paura di questi eventi e anche di giorno mi sento sempre il cuore accelerato e un nodo alla gola...")

Saluti,
[#5] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
grazie del consiglio, in effetti ci stavo pensando, il problema è che abito in un paesino di provincia e non so bene a chi rivolgermi....uno psicologo o uno psichiatra? Qual 'è la terapia che mi servirebbe? Come si potrebbe chiamare tecnicamente? Mi dia qualche consiglio per provare a rivolgermi a un professionista che possa fare al caso mio...la ringrazio in anticipo.
[#6] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Questo è il link per cercare uno psicoterapeuta in Piemonte:
http://www.ordinepsicologi.piemonte.it/albo/

Dal momento che per la terapia farmacologica è seguita dal medico (lo psicologo NON prescrive farmaci), Le suggerisco uno psicoterapeuta, meglio se di formazione cognitivo-comportamentale.
Questo tipo di psicoterapia si è rivelata molto efficace per il trattamento dei disturbi d'ansia.

Saluti,
[#7] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
ok grazie del consiglio, a questo punto il problema potrebbe essere trovare il tempo di "frequentare" lo psicoterapeuta...con una famiglia numerosa e un lavoro a tempo pieno non sarà facile...secondo lei con quale frequenza e dopo quanto tempo potrei avere dei risultati?
[#8] dopo  
Dr.ssa Angela Pileci
52% attività
20% attualità
20% socialità
SESTO SAN GIOVANNI (MI)
Rank MI+ 92
Iscritto dal 2009
Gentile signora, non conoscendola e non conoscendo l'entità del disturbo (che per prima cosa è da diagnosticare di persona) non riesco a risponderLe.
Tenga presente che in genere le terapie per i disturbi d'ansia, salvo presenza di altri disturbi, sono molto semplici da curare e richiedono trattamenti relativamente brevi.
Per quanto riguarda il tempo da dedicare a se stessa, più che per frequentare lo psicoterapeuta, sono certa che se ben investito Le permetterà di liberarsi dell'ansia in eccesso che in questo momento Le appesantisce la vita.

Auguri!