Utente 148XXX
Buongiorno, utilizzo abitualmente Reactine e Kestine con buoni risultati (ho un'allergia abbastanza tranquilla, mi cola un po' il naso e mi si arrossiscono gli occhi) però dopo aver consultato diverse ricerche in merito ho scoperto che esistono antistaminici di terza generazione, la cui superiorità è confermata da test di confronto su volontari utilizzando placebo e antistaminici di seconda generazione.

Mi chiedevo quindi se in fase di richiesta dell'abituale ricetta al mio medico (che ovviamente data la non gravità della mia situazione non si interessa particolarmente della patologia in oggetto) mi convenga chiedere nello specifico levocetirizina al posto dell'ebastina.

Ribadisco che non soffro gravemente di allergia, quindi bene o male capisco anche io che uno o l'altro nel mio caso bene o male si equivalgono, ma visto che mi piace tenermi informato su farmaci e cosmetici che utilizzo abitualmente ci tenevo a porre questa domanda.

Grazie

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Antonio Corica
40% attività
8% attualità
12% socialità
MESSINA (ME)
Rank MI+ 60
Iscritto dal 2007
Se un antistaminico viene usato occasionalmente non vi è nessun motivo di cambiare e lascia il tempo che trova la seconda o terza generazione.
Se l'uso è prolungato la terza generazione è migliore riguardo gli effetti collaterali.
Le associazioni sono un discorso a parte legate al fatto che se contengono efedrina o pseudoefedrina possono dare tachicardia ed agitazione e in soggetti predisposti o affetti da patologie cardiache sono da evitare, per lo più sono prodotti da banco.