Utente 203XXX
Buongiorno,

di seguito il referto di una risonanza magnetica effettuata la scorsa settimana al dito indice della mano sinistra:

-------------------------------------------------------------------------
Si rileva diffuso edema della spongiosa ossea dell'epifisi distale della falange basale del II raggio in rapporto a frattura intraspongiosa.
Sempre a tale livello si apprezza distensione della capsula interfalangea prossimale per presenza di versamento articolare; si associa edema dei tessuti molli perischeletrici.
-------------------------------------------------------------------------

La risonanza e' stata prescritta dal mio medico curante.
dovro' al piu' presto effettuare visita ortopedica.

Il problema e' nato circa 3 mesi fa giocando a rugby.
Credevo che il problema passasse da solo (il gonfiore associato all'impossibilita' di piegare del tutto il dito indice).
Inutile sottolineare il grossolano errore che ho commesso.

Vorrei cortesemente conoscere alcuni pareri che possano illustrarmi la diagnosi, e cosa e come e' possibile intervenire per risolvere il problema.

Grazie mille

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
La RMN ha una ridotta utilità, e da sola non dice nulla.
La cosa corretta, e se ne è già reso conto, era rivolgersi subito a un ortopedico esperto in chirurgia della mano. Ora a tre mesi di distanza le possibilità di trattamento possono essere più complesse, ma non è certo possibile ipotizzarne nessuna senza vedere il quadro clinico del dito, e le immagini RMN.
Si rivolga a un Chirurgo della Mano per una valutazione diretta: può trovare qui Ricerca Soci per regione http://www.sicm.it/soci_ita.html
gli specialisti della Sua regione, anche se limitatamente a quelli iscritti alla Società, e le strutture pubbliche nelle quali lavorano.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
La ringrazio per la risposta.

Io la sera stessa dell'incidente mi ero sottoposto a RX in pronto soccorso, ma l'esito e' stato negativo.

Il che mi lascia alquanto attonito...

Il quadro completo del dito attualmente consiste in:
Radiografia alla mano con esito negativo.
Risonanza magnetica di cui sopra il referto.


Attualmente vorrei tranquillizzare mia moglie e capire io stesso di cosa si tratta piu' nello specifico e solitemente quali sono le eventuali strade da intraprendere, dato per assodato che sono in attesa per essere visitato specialisticamente.

Grazie ancora.
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Si tratta di un edema dell'osso conseguente al trauma e della presenza di un versamento all'interno dell'articolazione. Questo è quello che il referto descrive, ma non può essere una diagnosi: è solo un elemento che diviene utile solo dopo la visita diretta. Non ho elementi per giudicare il quadro clinico.
Per quanto riguarda "le eventuali strade da intraprendere" ce n'è una sola: la visita specialistica presso il chirurgo della mano.
Cordiali saluti
[#4] dopo  
Utente 203XXX

Iscritto dal 2011
Grazie mille.

Ma cosa si intende per "in rapporto a frattura intraspongiosa"?

Significa che ho attualmente una frattura intraspongiosa?
[#5] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Significa che l'edema è conseguenza di una forte contusione (tre mesi fa) che può aver danneggiato (tre mesi fa) le trabecole della spongiosa senza interessare la corticale. Non penso che attualmente possa avere ancora una frattura intraspongiosa a 3 mesi di distanza, ma per ragionarci sopra bisogna parlare davanti alle immagini, e comunque adesso il problema non è quello che è stato ma la presenza attuale dell'edema e del versamento articolare.
Cordiali saluti