Utente 204XXX
Buona sera, mio figlio Simone, attualmente di 7 mesi e mezzi, è nato con ipospadia e criptorchidismo bilaterale. L'ipospadia è lieve, con meato posizionato pochi millimetri sotto il normale, ma con abbondante pelle sopra al prepuzio. I due testicoli attualmente sono posizionati il destro quasi dentro il sacco scrotale, ma mobile e il sinistro nel canale inguinale. Inizialmente il destro era nel canale, ma spingendolo scendeva nella sacca scrotale risalendo poi nel canale, mentre il sinistro era nella zona addominale.

Abbiamo consultato due specialisti a Roma e ci hanno proposto due modi diversi di agire. Il primo con un intervento correggerebbe l'ipospadia (con plastica per sistemare la pelle in abbondanza) e fisserebbe il testicolo destro per assicurare la fertilità futura del bambino che può essere a rischio. Il sinistro verrebbe fissato dopo 4-5 mesi con un altro intervento e non insieme al destro perchè potrebbero esserci rischi di risalita di uno dei due.
Il secondo specialista invece risolverebbe il problema dell'ipospadia (senza sistemare la pelle del pisellino che dovrebbe essere valutata nei prossimi anni) e abbasserebbe entrambi i testicoli nel sacco.

La domanda è se sia giusto sistemare prima il testicolo destro, che è quello in posizione migliore, e lasciare il sinistro per altri mesi nel canale o se invece sarebbe il caso di abbassare prima il sinistro per provare a salvaguardare la funzionalità di entrambi.
Inoltre se ci può essere questo rischio di risalita, nel caso di posizionamento contemporaneo delle due gonadi nello stesso intervento.

Vi ringrazio per la disponobilità.
Cordiali saluti.


Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

difficile capire da questa postazione le precise indicazioni ricevute dai due colleghi consultati ma, in questi casi molto particolari e complessi, sempre ogni clinico, in funzione della sua esperienza e dalle conclusioni personali che trae dalla valutazione clinica che fa in quel momento, prende poi le sue decisioni finali.

Di tutto quello che ci scrive io personalmente darei più importanza al problema testicolare e, come primo atto correttivo, porterei i due testicoli in sede; poi, subito od in un secondo tempo, penserei all'ipospadia che mi pare, da quello che lei ci scrive, il problema meno urgente.

Se desidera comunque avere altre notizie più dettagliate su questi problemi di natura uro-andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

http://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html .

Un cordiale saluto.