Utente 185XXX
salve gentili dottori, ho 24 anni e sono una ragazza. Il 4 di maggio dovro effettuare l asportazione di un neo nella zona genitali,appena sopra le grandi labbra. Non è un neo pericoloso al momento,ma di tipo fibromatoso. Mi hanno consigliato pero,data la delicata posizione,di asportarlo,onde evitare che nel corso degli anni diventi un problema. Mi hanno detto che dovranno fare un piccolo intervento in ambulatorio,in day hospital, ma desidererei sapere come viene effettuato questo tipo di operazione,che tipo di anestesia viene utilizzato, saperne di piu insomma. Il neo in se non è molto grosso,misura all incirca due cm,ma cresce parecchio in altezza. Mi potreste dire quindi come viene effettuato questo intervento? Grazie mille...

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Andrea Favara
60% attività
20% attualità
20% socialità
CANTU' (CO)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2002
Prenota una visita specialistica
In genere ambulatorialmente in anestesia locale.Prego.
[#2] dopo  
Dr. Salvo Catania
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
Lo decide il chirurgo il margine che "vuole tenere" di tessuto sano intorno al nevo.
Da ciò dipende l'entità della asportazione.
Suppongo minimo se si tratta di un nevo non sospetto in senso oncologico.
Stupisce però la lacunosa informazione ricevuta che si è tenuti a dare e che fa parte del consenso informato.
[#3] dopo  
Dr. Lucio Pennetti
32% attività
16% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 64
Iscritto dal 2009
A parte la giusta e concisa risposta del collega,ricordi che è un suo diritto conoscere tipo e modalità di esecuzione di un intervento chirurgico.Se ha ancora bisogno di chiarimenti,non esiti a chiedere spiegazioni al chirurgo che dovrà operarla.
Saluti
[#4] dopo  
Prof. Marco Catani
44% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
gentile utente,

oltre a tutto quello che le è stato giustamente scritto dai colleghi vorrei aggiungere che, qualunque atto medico dovrebbe essere preceduto da una informazione attenta ed accurata, da parte dell'operatore, dell'atto in se e di tutti i possibili effetti indesiderati, comprese le complicanze derivanti dall'intervento stesso, ma anche quelle derivanti dall'uso di farmaci anestetici. tale informazione dovrebbe essere sottoscritta da lei e dal medico che l'ha informata.

cordiali saluti