Utente 178XXX
Salve, sono un ragazzo di 23 anni.
lo scorso 20 aprile ho subito un frattura composta del mignolo della mano dx(per puntualizzare è il primo osso delle dita, quello che si attacca al metatarso), senza distacco delle parti, ma con sicura lussazione dell'articolazione.
in seguito all'ingessatura, che dovrò tenere per circa 30 giorni, avverto di tanto in tanto un minuscolo "clac" all'altezza dell'articolazione(e dunque anche della frattura, essendo questa situata in prossimità della testa dell'osso).
i miei dubbi riguardano proprio questo:
è possibile che questo "clac" sia dovuto alla frattura che si sposta?
aggiungo, come maggiore dettaglio, il fatto che quando ciò accade nn sento minimamente dolore e il rumore risulta impercettibile, è solo un qualcosa che sento io all'interno del gesso, dove comunque la mano è stata ben immobilizzata...
se la risposta è si, mi chiedo se ciò può influire negativamente sulla guarigione(della quale sono quasi a metà), oppure è solo conseguenza dello spostamento dell'osso dalla sua sede(un pò come quando si fanno scrosciare le dita)...
grazie anticipatamente:)

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non è possibile a distanza stabilire a cosa sia dovuto questo "clac", ma se dovesse essere dovuto a una mobilità della frattura può essere opportuno modificare il gesso, perché l'osso per guarire ha bisogno di essere ben immobilizzato. Penso che sia opportuno far presente la cosa agli ortopedici che La seguono, sia che il "clac" sia dovuto a uno spostamento di un frammento della frattura, sia che invece provenga dalla articolazione che si era lussata.
Ci tenga aggiornati, se vuole.
Cordiali saluti
[#2] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
grazie innanzitutto per aver risposto tempestivamente.
Credo che Lei abbia già risposto abbondantemente alla mia domanda.:)
Ciò che mi desta ancora leggeri dubbi(e che ho dimenticato a puntualizzare prima) è il fatto che se fosse la frattura a muoversi, pur essendo la stessa a forma di V e quindi poco propensa a cambiare postura, non dovrebbe procurarmi dolore quando si sposta?
(puntualizzo che il movimento del gesso èpraticamente impercettibile, al massimo si aggira ad 1 decimo di mm, e che con il proseguire della terapia tale suono sta tendendo ad annullarsi)
Le aggiungo inoltre che il movimento del mignolo è vincolato al massimo e che il "clac" specificato prima è del tutto simile a quello che produce la mia mano 'sana' quando stringo il pugno...
potrebbe quindi essere un suono normale legato alla posizione naturale delle ossa delle mie mani?
La rigrazio ancora.
[#3] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
"potrebbe quindi essere un suono normale legato alla posizione naturale delle ossa delle mie mani?"
Come faccio a saperlo? Senza potermi rendere conto di persona del problema, l'unica cosa che posso consigliarLe è di farsi vedere dall'Ortopedico che L'ha in cura: lui, DOPO essersi reso conto di persona, saprà tranquillizzarLa con migliori argomenti.
Cordiali saluti.
[#4] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
Dottore, da un paio di giorni non sento più il rumore...
Parlandone con un medico mi ha risposto che sicuramente è stato causato dalla lussazione, anche perchè se fosse stata la frattura a spostarsi(e controllando lui stesso il gesso mi ha rassicurato del fatto che il dito è immobilizzato bene), avrei dovuto necessariamente sentire dolore...
adesso non sento più dolore, nemmeno quando sono a letto, cosa che prima succedeva di tanto in tanto
Mi darebbe un Suo parere?
E' possibile tutto ciò?
grazie 1000 :)
[#5] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Se il medico che ha controllato il gesso ha detto che va bene, che parere posso dare io che non L'ho visitata?
E se il dito è immobilizzato bene, e Lei non sente né il clac né il dolore, qual è il problema?
Cordiali saluti
[#6] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
Salve dottore,
ieri mattina ho tolto il gesso dal braccio...
nonostante qualche dolore sono riuscito immediatamente a muovere il mignolo, nonchè gran parte della mano....
solo una cosa mi desta un sottile preoccupazione, e spero Lei possa aiutarmi....
Il fatto è che non riesco a piegare la seconda e terza falange del medio e del mignolo.....
Se posso indicarle un'informazione potenzialmente decisiva, il polso era serrato in maniera decisa nel bagno gessato; infatti, sia quando l'ho tolto, sia tuttora in minor enfasi, mi ha provocato un lieve dolore...
Mi darebbe notevole sollievo sapere se ciò possa essere causato dai muscoli....anche perchè non riguardano il punto nel quale era la frattura(in prossimità dell'articolazione tra metacarpo e prima falange del mingolo)...
Grazie mille :)
[#7] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Una immobilizzazione protratta irrigidisce temporaneamente le articolazioni coinvolte. Una riabilitazione protratta aiuta la ripresa dei movimenti. Consulti un Fisiatra o chieda al SuoOrtopedico
Cordiali saluti
[#8] dopo  
Utente 178XXX

Iscritto dal 2010
Gentile Dottore,
Le scrivo a distanza di 10 giorni esatti dalla rimozione del gesso...
ho riacquistato una notevole mobilità della mano(anche per merito delle direttive del mio ortopedico riguardo a piccoli esercizi di fisioterapia), del polso e delle dita soprattutto del medio e dell'anulare che fino a qualche giorno addietro erano pressocchè bloccati...
Già a 3 giorni dall'apertura del gesso sono riuscito a guidare la macchina e a battere i tasti del computer senza grandi problemi...
Riesco quasi a chiudere il pugno, rimane un solo un piccolo spazio tra le dita, simile all'impugnatura di una penna...
anche il mignolo sembra riprendersi velocemente:
l'articolazione interessata dalla frattura è praticamente come nuova, rimane solo l'intervallo tra seconda e terza falange e tra la terza e la quarta, il quale fino ad adesso riesce a piegarsi di 30-40° gradi rispetto alla condizione tesa del dito....
Pensa che il mio lavoro di fisioterapia sia a buon punto?
mi potrebbe indicare per quanto tempo ancora(per grandi linee, senza precisione) questa condizione può permanere?
Grazie :)
[#9] dopo  
Dr. Umberto Donati
40% attività
16% attualità
20% socialità
BOLOGNA (BO)
Rank MI+ 76
Iscritto dal 2007
Non so a cosa possa servirLe sapere "per quanto tempo ancora (per grandi linee, senza precisione)". Parli con il Suo Fisiatra: è l'unico a poter rispondere a questo genere di domande, e ad alcune forse si riserverà di rispondere strada facendo.
Cordiali saluti