Utente 779XXX
Buongiorno,ho 34 anni e da 21(dal menarca) soffro di forti dolori durante il primo giorno del ciclo,per questo motivo fino a 9 anni fa mi è stato prescritto qualsiasi tipo di antidolorifico e fans: ho preso dall'aulin al synflex, all'antalgil (ovviamente sempre solo per un giorno al mese) finchè 6 anni fa ho avuto un 'episodio di gastrite acuta dopo l'assunzione di una bustina di ibuprofene+sale di lisina.
Sono stata cosi' male che ho deciso da quel momento di abbandonare ogni tipo di antidolorifico o fans che non fosse il paracetamolo (consigliatomi dalla mia ginecologa),e il mio stomaco mi ha "ringraziato"...pero' continuo a soffrire il primo giorno del ciclo,ogni mese...e ovviamente il paracetamolo non fa miracoli... ho anche iniziato ad assumere magnesio,da 10 gg prima dell'arrivo delle mestruazoni, a volte mi ha fatto bene, altre non ha fatto nulla. Solo quest'anno, in seguito ad una ecografia, ho scoperto di avere le ovaie con leggero "atteggiamento micropolicistico",e qui ho sentito pareri discordanti perchè la ginecologa che mi ha fatto l'ecografia ha detto che non darebbe mai la pillola per una cosa cosi' lieve, mentre la ginecologa che mi segue ha insistito per darmi la pillola Klaira,che ho assunto per 4 gg , e interrotto per i forti effetti collaterali che mi ha provocato(forti dolori addominali,diarrea,nausea,etc.....).
A questo punto il mio rapporto con i farmaci è diventato davvero brutto, li evito il piu' posibile,li prendo solo sestrettamente necessario,e prenderli mi genea un forte stress... cerco sempre di ricorrere a rimedi naturali.
La mia domanda è: esiste qualcosa in alternativa ai farmaci tradizionali, che puo' risolvere il mio problema?
Grazie anticipatamente


Mi s
[#1] dopo  
Dr. Riccardo Ferrero Leone
44% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
Rank MI+ 80
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

disturbi come il suo sono molto frequenti e spesso risolvibili con la medicina non convenzionale.
Si rivolga ad un collega esperto in queste discipline che saprà consigliarle la terapia da seguire.

Cordialmente.