Utente 199XXX
Da qualche anno ho notato che il mio pene è sempre più piccolo di dimensioni sia a riposo che in erezione con assenza completa delle erezioni mattutine. I rapporti sessuali sono discreti, ma in alcune posizioni la penetrazione risulta piuttosto scarsa.La mia domanda è, sarà il caso di richiedere degli esami per il test del testosterone e se nel caso fosse scarso può influire con le dimensioni del pene e con l'abbassamento del desiderio sessuale?

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
Gentile signore, sono fattori di rischio per DE l'obesità,la pressione alta ,il diabete, il colesterolo alto ecc. Se lei presenta qualcuno di questi fattori è necessario correggerli prontamente.Il sovrappeso inoltre contribuisce a rendere apparentemente il pene più piccolo. Esegua una visita andrologica, sarà il medico a consigliare gli esami da eseguire.

Distinti saluti
[#2] dopo  
Utente 199XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la chiara risposta. Io già da qualche anno assumo la sinvastatina per i valori del colesterolo alti che si sono normalizzati unendo anche una frequente attività fisica. Sono anche sovrappeso. Gli altri fattori da lei evidenziati l'obesità,la pressione alta ,il diabete sono negativi. Cosa allora potrebbe influire anche sui tempi che intercorrono tra un rapporto e l'altro, mi spiego dopo il primo rapporto sessuale ho difficoltà a raggiungere l'erezione anche dopo qualche ora e comunque risulta alquanto scarsa e poco duratura.Preciso anche che sono monotesticolo dalla nascita. Andrò comunque sicuramente per una visità da un andrologo.
[#3] dopo  
Dr. Mario De Siati
32% attività
20% attualità
16% socialità
ALTAMURA (BA)
Rank MI+ 68
Iscritto dal 2000
L'aumento del periodo refrattario tra un rapporto e l'altro aumenta con l'età e con i fattori di rischio correlati al DE. Il fatto che lei sia monorchide non crea alcun problema. Il sua andrologo ,comunque, valuterà anche il suo assetto ormonale.