Utente 204XXX
Il 12/02/2011 ho subito la lesione sottocutanea tendine estensore del 3° dito mano dex.Inizialmente mi hanno detto di portare un tutore x ca 24 gg. Successivamente mi hanno detto di portarlo x altri 35 gg. e poi x altri 25 gg ancora.Dopo ca 3 mesi mi dicono che mi debbo operare.Consultando il vostro sito ho visto che ci sono diversi pareri a secondo dei casi.Precisando che non ho subito ne tagli,ne rotture ossee e che riesco a fare ogni movimento col dito:
1) conviene che mi operi?
2)l'unica cosa che è rimasto,è questo dito a un pò a martello nella parte finale,
3)se non mi opero c'è il rischio che il tendine si possa ritirare incurvandomi in modo anomalo il dito o più di cosi' non può piegarsi?
Ringrazio anticipatamente x la vostra risposta.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

dato il tempo che è trascorso dal trauma, ritengo che la deformità "a martello" presente attualmente non debba modificarsi ulteriormente in senso peggiorativo.

Sta a lei decidere se la flessione della falange ungueale (non so di quanti gradi sia) possa essere un risultato accettabile soggettivamente o meno.

Se lei ritiene che questo livello di flessione non costituisca un problema, potrebbe anche lasciare le cose come stanno.

Inoltre, tenga presente che l'intervento chirurgico, soprattutto a distanza di 3 mesi, non le può dare la garanzia assoluta che tale flessione possa essere corretta, ma solo una buona probabilità.

Cordiali saluti.
[#2] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Gentile dott. Giorgio Leccese la ringrazio molto per la risposta che mi ha dato, sicuramente mi ha descritto molto bene la situazione e,oltretutto in famiglia mi spingono a questo,difficilmente farò l'operazione.
[#3] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

non ho capito se in famiglia la spingono a fare o meno l'intervento.
[#4] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Gent. dott. Giorgio Leccese la ringrazio ancora per la sua cortesia,veramente ero io che volevo l'operazione dopo che non son guarito con il tutore,ma solo x motivi di estetica.In famiglia sono contrari,anche perchè ho tutte le funzioni;ma dopo il suo parere e dato che sicuramente non potrò peggiorare,credo che non farò l'intervento.
Grazie ancora.
[#5] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Ritengo che la scelta se fare o meno l'intervento sia solo ed esclusivamente del paziente, ovviamente dopo che è stato informato in modo completo sui pro e sui contro.

Cordiali saluti.
[#6] dopo  
Utente 204XXX

Iscritto dal 2011
Gent. dott. LECCESE la volevo informare che alla fine poi ho optato per l'intervento eseguito il 15/05/2011.Ora il 15/06/2011 mi è stato tolto il chiodo.Il medico ha detto che tutto è a posto e mi ha detto che devo riportare per ca un mese ancora il tutore di stark e poi solo la notte.Ora io vorrei già incominciare un pò di terapia con un fisioterapista.Ora dato che il mio medico mi ha solo detto che potrei incominciare a muovere la parte centrale non operata,lo posso fare con un fisioterapista o aspettare un mese e farla poi per tutto il dito?Tenga presente che la rottura l'ho avuta nella parte finale del dito(falangetta?)e il dito è ancora leggermente gonfio.
[#7] dopo  
Dr. Giorgio Leccese
36% attività
20% attualità
16% socialità
TRANI (BT)
Rank MI+ 72
Iscritto dal 2008
Gentile Signore,

esistono diversi orientamenti sui tempi di immobilizzazione e sulle modalità di rieducazione funzionale dopo tali interventi.

Credo che le convenga seguire dettagliatamente le indicazione del suo chirurgo e non di altri medici: in questi casi, uno solo deve essere il "regista".

Cordiali saluti.