Utente 488XXX
Gentili signori medici, scrivo in uno stato di "paura", per richiedere alcuni consigli riguardanti il primo rapporto sessuale.
In pratica, a breve, molto probabilmente avrò il mio primo rapporto completo con la mia fidanzata, e sinceramente non mi sento preparatissimo, in quanto da piccolo non ho mai sviluppato per bene la facoltà di scoprire il glande. E' possibile avere un rapporto con glande coperto? Molto probabilmente è un'assurdità ma negli altri tipi di rapporto non mi ha causato problemi, ora mi interessava sapere se con l'uso del preservativo e con la penetrazione potevano nascere inconvenienti.

Grazie per le vostre risposte

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Daniele Masala
28% attività
4% attualità
12% socialità
POZZUOLI (NA)
Rank MI+ 44
Iscritto dal 2006
Caro ragazzo certamente la prima volta è un po' particolare per tutti perchè contornata da una serie di veli di natura psicologica e stati d'ansia e di forti emozioni. L'esperienza nel corso del tempo ti insegnerà come muoverti e districarti in questo piacevole labirinto di sensazioni.
Quanto al fatto specifico della difficoltà a scoprire il glande ,probabilmente si tratta di una fimosi per cui sarebbe opportuno farti visitare da un urologo per far diagnosi certa ed eventualmente trattarla (la fimosi porta problemi di natura igienica per difficoltà a poter adeguatamente pulire il solco balanico e può portare difficoltà e dolori all'erezione e alla penetrazione). In oni caso la penetrazione può avvenire anche a glande coperto, certamente però la sensazione ne risente molto.
Cordiali saluti,
dott Daniele Masala.
[#2] dopo  
Utente 488XXX

Iscritto dal 2007
Grazie mille per la risposta.
Ho letto che la fimosi può essere corretta grazie ad esercizi ripetuti se non è "serrata". Infatti provando avverto un fastidio più che un dolore, ma sento che con un po di esercizi posso riuscirci. Posso insistere o è necessaria una diagnosi medica?