Utente 138XXX
Salve,
ho 48 anni e durante una visita di controllo per il lavoro, il dottore visitandomi mi ha detto di avvertire un forte soffio al cuore che potrebbe essere attribuito ad un danneggiamento di una valvola cardiaca, anche se l'elettrocardiogramma risulta normale.
Comunque, in quest'ultimo periodo, soprattutto dopo i pasti, avverto spesso la sensazione che il cuore non ce la facesse a pompare sangue e in seguito a ciò ho dei colpetti di tosse. Premettendo che ho assunto una pillola anticoncezionale dietro prescrizione medica per soli 21 giorni per il trattamento di una cisti lutea, mi sono un po' preoccupata su quello a cui potrebbe portarmi questo disturbo cardiaco e se non sia una conseguenza dell'assunzione della pillola.
Voi dello staff di Medicitalia cosa ne pensate?
Vi ringrazio in anticipo.

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Martino
40% attività
0% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 56
Iscritto dal 2008
Gentile utente,
l'importanza o meno del reperto stetoacustico riscontrato, può esser dato rapidamente da un ecocardiogramma, a distanza è difficile darle una corretta valutazione dell'ipotetica alterazione funzionale valvolare in assenza di un esame strumentale.
Saluti
[#2] dopo  
Utente 138XXX

Iscritto dal 2009
Gentilissimo Dott. Martino la ringrazio per la sua risposta. Vorrei solo chiederle se è normale che in situazioni come questa l'elettrocardiogramma non presenti alcuna anomalia.
Inoltre, avrei un'ultima domanda da porle, nel caso in cui fosse una valvola a dare questo problema, sarebbe un problema grave? Curabile anche con una terapia farmacologica o no? In pratica, cosa rischio?
In ogni caso ho già preso appuntamento per un ecocardiogramma che sicuramente darà maggiori informazioni.
Grazie ancora, cordiali saluti.