Utente 205XXX
Salve, sono un ragazzo di 26 anni e da tre, soffro di uno stato di ipotensione non giustificata da l' innumerevole mole di esami cardiologici e non a cui mi sono sottoposto. Ho effettuato tre prove da sforzo, altrettanti holter, circa 4 eco e innumerevoli ecg i quali riportano un solo un pr ai limiti della norma e non compatibile con casi di preeccitazione ventricolare. Nel corso di svariati esami ho scoperto di essere ipoglicemico,ma solo una volta nell' arco di tre anni mi e' capitato di poter constatare cio' previo utilizzo di apposita macchinetta con striscette reattive. Non mi e' mai capitato di rilevare un' ipoglicemia concomitante con un basso livello pressorio. I medici non riescono a spiegarsi cio', ed associano il tutto ad ipervagotonia. Quando sto bene la mia pressione si aggira sui 120 /75 con 55-56 di fc. Il problema e' che non riesco piu' a tollerare ne la stazione eretta ne gli sforzi, in quanto divento pallidissimo e comincio ad accusare i sintomi dello svenimento. Il tutto mi comincia a capitare anche da seduto,e quando cio' accade,la mia pressione si aggira tra i 109e 99 di sistolica con anche 59-55 di diastolica con pulsazioni che variano da 55 a 75-80. Il tutto mi sta causando seri problemi nella mia vita di relazione in quanto anche con tutta la buona volontà, non riesco a superare i limiti che il mio fisico mi impone. Ho provato integratori idrosalini come polase, ma senza beneficio. Momentaneamente sto provando con 10 gocce di gutron la mattina e 5 il pomeriggio sotto le indicazioni di un medico, con il fine di riuscire ad identificare il dosaggio idoneo. Premetto che in passato ho avuto spesse volte dolore toracico, ma che non si associava mai a questi stati di malessere. Ero un soggetto molto sportivo fino a poco tempo fa,ma adesso rischio di svenire anche solo con una camminata a passo veloce. Il cuore come ripeto sembra essere a posto, cio' e' confermato dagli esami strumentali di cui sopra. Potreste gentilmente prendere in esame la mia situazione e cercare in qualche modo di aiutarmi?
Ringrazio anticipatamente

Sei stato ricoverato in un ospedale italiano?

Esprimi un giudizio

Hai vissuto un'esperienza positiva con un medico o in una struttura sanitaria?

Raccontacela

[#1] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,

Alla luce degli accertamenti strumentali che ha praticato non sembrano emergere cause cardiache strutturali e/o aritmiche di sincope (perdita di coscienza).

Il passo successivo è praticare un Head Up Tilt Test presso un Centro per lo studio della Sincope (Syncope Unit)

L'esame consiste nello studio della pressione arteriosa e della frequenza cardiaca durante l'ortostatismo prolungato previo digiuno di 12h. La positività all'esame rivelerà la sua suscettibilità alla sincope vasovagale e soprattutto permetterà di verificare se gli svenimenti o la sintomatologia lipotimica che li precede siano dovuti ad un abbassamento della sola pressione arteriosa, della frequenza cardiaca o di entrambe.

Cordiali Saluti
[#2] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
Salve dottore, la ringrazio per aver preso in considerazione la mia consulenza. Premetto che attendo insieme al medico che mi segue, la risposta del mio organismo alla cura con gutron ed eventualmente il medico stesso mi sottoporra' a tilt test come gia' si era pensato. Il mio problema comunque,e' piu' grave di quanto possa sembrare in quanto durante l' arco della giornata sopratutto al mattino, per me e' diventato impossibile vivere visto che appena sto un po in piedi mi sento le gabbe deboli e comincio ad accusare sbandamenti e giramenti di testa diventando pallidissimo. Ho perso sicurezza in quanto non posso piu' uscire a piedi per via di questo problema. Mi martella durante tutta la giornata ed a volte mi accade anche da seduto,meno sovente pero'.
Infine,se il tilt test dovesse risultare positivo sempre ammesso e concesso che il medico mi ci sottoponga, come si potrebbe intervenire a livello di terapia?
Cordiali saluti
[#3] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Amico,

non dubito circa l'impatto relazionale e sociale negativo della sua sintomatologia e posso comprendere il disagio che prova.

Devo comunque farLe presente che senza una diagnosi certa è difficile trovare la terapia più adeguata.

L'esecuzione di Head up tilt test in wash-out farmacologico (senza assunzione di farmaci) è l'esame che può confermare o meno la diagnosi e definire il tipo di sincope vasovagale.

Le linee guida del sito medicitalia non consentono di impostare terapia on line, posso quindi solo dirLe l'approccio al problema sincope è un approccio integrato e quindi se fosse confermata la diagnosi di sincope vasovagale c'è:
- da attuare un cambiamento di stile di vita e di alimentazione.
- mettere in atto alcune manovre di contratrazione degli arti
- impostare una terapia farmacologica con lo stesso farmaco che già assume, ma in formulazione diversa (compresse) e se necessario ad alti dosaggi.

Cordiali Saluti
[#4] dopo  
Utente 205XXX

Iscritto dal 2011
Grazie per la celerità delle sue risposte; volevo inoltre dirLe, che il problema si accentua in maniera drastica con il caldo per via della vasodilatazione fisiologica, tant' e' che ho avuto problemi nel fare anche una normale doccia anche con acqua non caldissima.
Per quanto riguarda i dolori toracici che tutt ora ogni tanto si presentano, e vista anche la sintomatologia pittosto preoccupante che accuso, sarebbe il caso di fare una rmn cardiaca? A volte arrivo a pensare nonostante tutti i controlli fatti, che possa avere una qualche occlusione a livello dei vasi del cuore, e che questa sia la causa del mio problema (anche se poi sono portato a credere di pou' nella sinfrome vagale....insomma, il mio sna che funziona male; Lei cosa ne pensa a tal proposito? Inoltre provo a fare attivita' fisica leggera di tipo aerobico, tanto per cercare di tenermi su a livello psicologico; a riguardo lei saprebbe indicarmi i valori pressori entro i quali e' possibile svolgere attività fisica vista la mia ipotensione?

Cordialmente la ringrazio
[#5] dopo  
Dr. Vincenzo Russo
36% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
Rank MI+ 48
Iscritto dal 2010
Gentile Amico,

se fosse confermata la diagnosi di sincope vasovagale, una leggera attività fisica regolare aiuterebbe alla prevenzione della recidiva.

Cordiali Saluti